Sabato, 31 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

#primariepuglia: Minervini, 'Pugliesi pronti per andare oltre la stagione dei leader'

Il candidato ha chiesto rispetto per le primarie di domani

Pubblicato in Primarie il 29/11/2014 da Redazione
“Lo spettacolo a cui abbiamo assistito in questi due giorni, non è stato molto edificante”, lo ha detto Guglielmo Minervini ai giornalisti commentando gli eventi delle ultime 24 ore. “Il popolo pugliese è pronto ad andare oltre la stagione dei leader – ha aggiunto - Oltre la frattura che in questi ultimi mesi ha rischiato di fare regredire, arretrare, una pagina bellissima con la quale abbiamo detto all’Italia come si scrive la speranza. Lo spettacolo nel quale è emersa la conflittualità tra due personalità forti del centrosinistra pugliese non è stato edificante perché ci è sembrato che questa conflittualità entrasse a gamba tesa nella domanda di unità del popolo del centrosinistra e del popolo del cambiamento pugliese. E’ come se queste due personalità, e le loro forze politiche, abbiano provato a rompere il popolo del centrosinistra trasformando le primarie in una sorta di braccio muscolare tra due partiti e due personalità”.
“Io sono invece convinto - ha proseguito Minervini - che le ragioni del popolo di centrosinistra siano ancora ragioni unitarie e del popolo del cambiamento. L’idea che la Puglia possa rappresentare una grande speranza di una politica diversa, una politica del cambiamento. Lo stare assieme per continuare a cambiare la Puglia”.
Quindi, rispetto al voto di domani ha dichiarato: “Le primarie di domani sono una grande occasione che noi vogliamo interpretare per rilanciare le ragioni del centrosinistra. Noi siamo il punto di sintesi del centrosinistra. Di questo patrimonio straordinario che non solo vogliamo difendere, ma che vogliamo provare a rilanciare nei prossimi anni. Io penso che domani possa essere uno straordinario appuntamento per dimostrare che il popolo pugliese è andato oltre, che sta guardando oltre la stagione dei suoi leader. Che quello che è stato uno straordinario punto di forza negli scorsi dieci anni oggi rischia di diventare la principale barriera, il principale ostacolo, e domani un’occasione per dire che siamo lungimiranti, lucidi e che vogliamo andare oltre".

Correlati