Venerdì, 10 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

#Bifest2016, la scuola di Arte Cinematografica 'Gian Maria Volontè' organizza laboratori di recitazione (VIDEO)

Nell’ex Palazzo delle Poste di Bari sette giornate dedicate all’approfondimento delle tecniche cinematografiche studiate presso l’accademia cinematografica

Pubblicato in Bifest2016 il 04/04/2016 da Ilaria Milella

 

Valorizzazione dell’originalità, lavoro d’analisi e approfondimento sull’opera, scoperta delle peculiarità dell’arte recitativa, sono queste le caratteristiche dei primi laboratori di recitazione gestiti nell’ex Palazzo delle Poste di Bari dagli insegnanti della Scuola di Arte Cinematografica Gian Maria Volonté di Roma in occasione dell’avvio del la nuova edizione del Bifest, sette giornate dedicate all’approfondimento delle tecniche cinematografiche studiate presso l’accademia cinematografica, abbiamo parlato con Francesca Romana De Martini, attrice ed insegnante di recitazione presso la scuola intitolata al grande attore lombardo, che ci ha spiegato il metodo che verrà spiegato durante questi incontri.

 

 

«L’obbiettivo che ci proponiamo alla Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volontè è quello di valorizzare le peculiarità di ogni singolo allievo -  ci spiega Francesca – abbiamo un metodo diverso dalle accademie, per noi la personalità di un attore è ciò che lo rende unico e se conosciamo i nostri punti di forza  possiamo rendere indelebile il nostro percorso»

 

Entriamo  in una sala dove  sono riuniti circa venti giovani aspiranti attori, qui assistiamo al primo dei laboratori gestiti dall’insegnante romana dove i ragazzi radunati nell’aula leggono e commentano ad alta voce una scena tratta dal dramma in quatto atti di Čechov “Zio Vanja” dove due personaggi dell’opera, il medico Astrov e Elena Andreevna Serebrijakova, hanno una scena d’amore che viene commentata da tutti i presenti.

 

«Questa è la differenza sostanziale tra recitazione cinematografica e recitazione teatrale: la parola – continua Francesca -  sul grande schermo non ha nessun valore e ha importanza l’azione, sul palcoscenico è la regina assoluta, e la relazione tra i personaggi. Un bravo attore cinematografico dovrà studiare sempre l’intreccio di emozioni che si celano nel ruolo che interpreta, quando avrà  chiaro questo le azioni che andrà a compiere innanzi alla cinepresa saranno senza dubbio efficaci. Sono queste appunto le basi del mestiere che insegniamo alla nostra scuola»

 

La “Volonté” è un centro di formazione professionale fondato nel 2011 che offre un percorso formativo post diploma rivolto agli attori e aspiranti tali a titolo gratuito realizzata in collaborazione con il Dipartimento III della Provincia di Roma e si avvale di collaboratori tra cui ricordiamo i noti attori Alba Rochwacher , Valerio Mastrandrea e i registi Francesca Comencini e Daniele Vicari