Sabato, 11 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Itinerario d'autore: Salento di Cinema e di tradizione

Luoghi, cibo, ospitalità tra Lecce- Acaya-Otranto

Pubblicato in Turismo il 31/05/2014 da Redazione
LECCE - ACAYA - OTRANTO

Sabato 31 maggio - Il nostro viaggio alla scoperta del Salento parte da Lecce, elegante capitale del barocco pugliese. Visita del centro storico con le sue piazze e palazzi aristocratici. In piazza Duomo si possono ammirare il Palazzo Vescovile e il Palazzo del Seminario. Mentre a pochi passi da Piazza Sant’Oronzo l’occhio si perde tra straordinarie pennellate di un paesaggio morbido e ambrato dove si distingue la Chiesa di Santa Croce, massimo esempio del barocco leccese. E’ proprio il barocco a caratterizzare portali, guglie, colonne e balconi affascinando con effetti cromatici e suggestioni grazie all'uso della dorata “Pietra Leccese". Visita delle botteghe dei cartapestai e ai laboratori di ceramica salentina. Per il pranzo ci attende Piero Meazza nel suo raffinato ristorante Osteria degli Spiriti http://www.osteriadeglispiriti.it/, dove potremo gustare una cucina del territorio dai sapori decisi. Da non perdere le deliziose linguine con filetto di triglia che abbineremo con il pluripremiato vino rosato Five Roses della cantina Leone de Castris http://lnx.leonedecastris.com/.
Prima di lasciare la città una sosta golosa per assaporare il pasticciotto, tipico dolce salentino, è obbligatoria da pasticceria Natale http://www.natalepasticceria.com/, ma l’offerta è straordinaria in molti caffè e pasticcerie del cento cittadino.
Nel pomeriggio trasferimento ad Acaya, frazione di Vernole, unica cittadella fortificata del sud d’Italia e visita del castello cinquecentesco, fatto costruire dai baroni di Acaya su richiesta dell’Imperatore Carlo V. Qui la storica dell’arte Oronzina Malecora ci condurrà a visitare la mostra “Roca nel Mediterraneo” dove sono messi in esposizione straordinari reperti archeologici dell’età del bronzo e del ferro.
Partenza per Otranto e sistemazione da Masseria Prosperi http://masseriaprosperi.it/ un luogo del corpo e dell’anima, dove il lusso è raccontato dalle cose semplici. Cena tipica e genuina in masseria a base di pesce fresco crudo e cotto e verdure in abbinamento a etichette locali. Pernottamento in masseria dove ogni camera “custodisce il segno della civiltà rurale, ogni oggetto è autentico e restaurato con amore”.

Domenica 1° giugno - Il risveglio in masseria Prosperi è davvero molto allegro! Asini, cavalli, caprette e oche fanno gran festa nell’aia! Tra le coccole dei piccoli piaceri di un’immersione nelle piscine interne ed esterne, o nella vasca idromassaggio e un bagno turco, si assapora l’arte di saper vivere la campagna.
Questa mitica masseria, ha stregato registi come Ferzan Ozpetek e Giovanni Veronesi, con i suoi sapori e profumi che si colgono nei film girati in Puglia Allacciate le cinture e Una donna per amico. Mercedes Turgi Prosperi, incantevole e appassionata proprietaria della masseria stravolge con estrema ospitalità la sua casa trasformandola in un set cinematografico d’eccellenza ed è facile incontrare registi e attori qui così come in tutto il Salento.
Trasferimento nel centro storico di Otranto, splendida cittadina sul mare famosa nella storia per l’assedio degli Ottomani di cui conserva ancora molte tracce. Passeggiata tra le mura Aragonesi e visita della Cattedrale dell’Assunta con l’originale e misterioso mosaico del 1100 raffigurante l’albero della vita che per la sua bellezza lascia il visitatore senza fiato. Sul mare si erge il Castello, uno dei maggiori esempi di romanico pugliese.
Per il pranzo l’eccellenza è il ristorante l’Altro Baffo http://www.laltrobaffo.com/, nel centro di Otranto. Cristina Conte ama viaggiare e sperimentare contaminazioni tra sapori lontani, gusti esotici e tradizione salentina. Frequenti corsi di aggiornamento tengono la sua cucina in continuo movimento e al passo con i tempi, facendo particolare attenzione alle più attuali tecniche di cottura. Tra i piatti di pesce il must del ristorante è la carbonara ai ricci di mare e le alicette marinate nelle foglie di lime con cicoriette croccanti, pesto di mandorle e composta di arance amare. Con questo piatto sarà perfetto l’abbinamento con le Fossette, bollicine metodo charmat di Alberto Longo http://www.albertolongo.it/