Sabato, 24 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Turismo, cinquanta imprese pugliesi presenti al TTG di Rimini

La scelta di partecipare è stata fortemente voluta dalle imprese pugliesi (suddivise in 36 postazioni) che vogliono ricominciare a curare i rapporti b2b nazionali ed internazionali

Pubblicato in Turismo il 16/10/2020 da Redazione

La Puglia è presente al TTG di Rimini, primo appuntamento fieristico nel calendario internazionale del settore turistico che si tiene in presenza fisica.  Il maggior marketplace turistico d'Italia  giunge alla 57esima edizione  nel momento forse più difficile della storia del turismo. La Puglia è presente  con uno stand di  Pugliapromozione di 156 mq, in cui prevale lo spazio riservato a ben 50 operatori pugliesi, che gestiscono un'agenda di appuntamenti mista: in presenza con i principali Tour Operator italiani, online con gli operatori dei mercati europei ed extraeuropei, quali Canada, Usa e Russia e Sud est asiatico compresi Giappone e Australia e Area del Golfo, Sudamerica e  Sudafrica.

 La scelta di partecipare è stata fortemente voluta dalle imprese pugliesi (suddivise in 36 postazioni) che vogliono ricominciare a curare i rapporti b2b nazionali ed internazionali, privilegiando e investendo nuovamente in contesti importanti in cui lo scambio e le relazioni sono fondamentali. In fiera si respira un’aria di attesa, ma anche di speranza, di ottimismo, di voglia di ripartire con entusiasmo.

Il TTG quest’anno è più che mai anche un’occasione per il sistema del turismo italiano  di tracciare un primo consuntivo dell' urto dell' emergenza Covid ma, soprattutto,  per prepararsi a cambiare business model per progettare nuovi obiettivi sul 2021. Fra gli appuntamenti importanti a cui partecipa Pugliapromozione, il panel ieri su “La Responsabilità del Turismo al tempo del Covid-19”  che ha messo a confronto modelli e best practice delle destinazioni che hanno effettivamente lavorato in questa prospettiva ed hanno avuto risultati già in estate. Puglia, Toscana, Piemonte e Trentino hanno raccontato il lavoro fatto già questa estate per fronteggiare il momento.

“L’estate 2020 si prospettava disastrosa, ma  è andata bene. La Puglia è stata in vetta alla classifica delle regioni italiane scelte come meta di villeggiatura, come emerge dalla recentissima indagine demoscopica di SWG realizzata per conto di Pugliapromozione – ha detto Alfredo de Liguori, Responsabile Marketing di Pugliapromozione - Durante il lockdown la Regione ha lavorato sodo con il Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid per stilare delle linee guida sulle riaperture. L’Agenzia ha  lavorato  su due filoni principali: la  parte hard dell’economia del turismo e la parte soft del racconto e della comunicazione, accelerando la sua trasformazione  in organismo intermedio in grado di progettare ed erogare gli aiuti alle imprese. La Regione  ha messo in campo misure per il sostegno alle imprese turistiche che riguardano il microcredito, la liquidità e una sorta di bonus occupazione che con il progetto “Custodiamo il turismo e la cultura in Puglia”, ha appena stanziato  altri 50 milioni a fondo perduto. Per la parte soft durante il lockdown non abbiamo smesso di far viaggiare i nostri potenziali turisti con l’immaginazione, grazie al portale turistico della Regione  che  con Casa Puglia ha permesso di continuare  a far sognare la Puglia.  A luglio è partita la nuova campagna Puglia Riparti dalla Meraviglia, destinata al mercato italiano con una strategia mirata e un investimento importante di circa due milioni di euro su tv, carta stampata e social, con il grande successo di “Puglia Fuori Rotta”. Sono partite anche le nuove esperienze  firmate Inpuglia365,  attività gratuite offerte ai turisti e agli stessi pugliesi nei mesi estivi, e ancora adesso nei mesi autunnali, che raccontano la straordinaria bellezza della nostra Puglia”.