Domenica, 12 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Presentato TEDx Bari, il progetto innovativo che promuove 'le idee che vale la pena diffondere' (VIDEO)

Il Teatro Margherita ospiterà il ciclo di conferenze nato in California nel 1984. Tema principale 'La Resilienza'

Pubblicato in Sviluppo il 30/09/2015 da Valentina Gasparro
Portare a Bari le idee innovative che circolano nel mondo. E' l'obiettivo di TedxBari, il ciclo di conferenze nato in California nel 1984 e arrivato anche in Puglia, quest'anno per la prima volta, a Bari.

Sarà il teatro Margherita ad ospitare l'appuntamento barese di sabato 3 ottobre. Una location non casuale: “Il Margherita, cantiere in fermento, rappresenta meglio di ogni altro posto il tema di Ted, ovvero la trasformazione, l'innovazione, la resilienza”, ha spiegato Davide Giardino, organizzatore di TedxBari, durante la conferenza stampa di presentazione dell'evento.

“Idee che vale la pena diffondere”, è il motto di Ted, le idee, quelle raccontate a Bari, accomunate da un tema: la resilienza.
In fisica, per resilienza si intende la capacità dei materiali di resistere agli urti, o, in psicologia, la forza di reazione di un soggetto ai traumi della vita che vengono trasformati in occasioni di crescite personali. “E' una parola poco conosciuta, con significati diversi che spaziano dalla fisica alla psicologia fino alla sociologia e che, per questo, ci è piaciuta: volevamo rappresentare il concetto di trauma come opportunità di cambiamento”, ha spiegato Nicola Curzio, direttore artistico di TedxBari.

L'iniziativa, che ha avuto il patrocinio della Regione Puglia, è stata accolta con grande entusiasmo dalle istituzioni. L'assessore alle Culture, Turismo e Partecipazione del Comune di Bari, Silvio Maselli ha ricordato il primo incontro con i ragazzi che hanno deciso di portare Ted a Bari: “Mi sono trovato davanti cinque giovani, tra i 20 e i 25 anni, studenti che hanno già girato il mondo e hanno scoperto iniziative positive e innovative che possono migliorare la nostra città e per questo hanno deciso di importarle. Questo ci rende orgogliosi perchè rende la nostra città un posto migliore dove vivere. Bari non deve vantare solo la focaccia o il polpo crudo: Bari deve essere anche tecnologia e innovazione”.

Infatti, Ted è proprio l'acronimo di Technology Entertainment Design, la tecnologia spiegata con l'intrattenimento e il design: “E' la cultura politecnica, di cui ci facciamo portatori, motivo per cui abbiamo deciso di appoggiare questa iniziativa”, ha spiegato Vito Albino, prorettore del Politecnico di Bari che, insieme a molti altri sponsor, hanno supportato l'evento.

Nonostante sia il primo appuntamento nel capoluogo barese, il pubblico ne ha già sancito il successo: infatti, in poco più di un'ora dalla messa in vendita dei biglietti, si è registrato il tutto esaurito. Solo 100 posti in realtà, per seguire le conferenza dal vivo al Margherita, ma sono i requisiti rigidi imposti da Ted: “Il primo anno è così: solo un centinaio di persone, ma abbiamo ovviato a questa limitazione mettendo a disposizione del pubblico lo streaming, sia dal cinema Galleria che da Hub Bari”, ha spiegato il direttore artistico, Nicola Curzio.

Riserbo invece sulla scaletta degli interventi, ma i nomi si conoscono. Saranno diciassette gli ospiti tra relatori e performer che in 18 minuti ciascuno esporranno la loro idea di resilienza: “Saranno racconti che toccheranno tutti i temi: dall'astrofisica all'antropologia, dal giornalismo ai diritti delle donne”, ha spiegato Nicola Curzio. In particolare, attraverso le parole degli speaker si potranno vivere quattro forme di resilienza: il viaggio nello spazio e nel tempo; la resilienza negativa come nelle dittature o organizzazioni criminali; la resilienza nel sud come condizione fisica e mentale prima che geografica; la resilienza nelle donne.

Tra i tanti nomi anche Nicola Lagioia, scrittore barese vincitore del premio Strega con il romanzo “La ferocia”.