Lunedì, 30 Marzo 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Oltre le sbarre': oggi il concerto dell'Orchestra popolare La Notte della Taranta nel carcere di Bari

In stretta sinergia con il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà, gli spettacoli sono rivolti esclusivamente ai detenuti

Pubblicato in Sviluppo il 23/03/2016 da Redazione
Foto di Carlo Elmiro Bevilacqua

Si terrà oggi il terzo e ultimo concerto in carcere per  "Oltre le sbarre-spettacolo dal vivo in carcere", iniziativa promossa dall'Assessorato al Welfare della Regione Puglia a favore di alcune tra le fasce più fragili della popolazione attraverso l'utilizzo dei linguaggi teatrali, coreutici e musicali. Spettacolo come strumento di inclusione sociale all'interno dei tre principali istituti penitenziali pugliesi, Bari, Lecce e Trani. Attuatore il Teatro Pubblico Pugliese,  "Oltre le Sbarre" prevede la programmazione di tre concerti dell'Orchestra popolare La Notte della Taranta nei tre istituti carcerari. 

 

Dopo il primo concerto nella Casa circondariale Casa di reclusione di Lecce, e il secondo in quella di Trani, oggi  l'Orchestra della Notte della Taranta sarà nella Casa Circondariale di Bari (alle ore 15.00).

 

In stretta sinergia con il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà, la collaborazione della Casa Circondariale di Bari, della Casa Circondariale Casa di reclusione di Lecce e della Casa Circondariale Casa di reclusione di Trani, la Fondazione Notte della Taranta, gli spettacoli non sono aperti al pubblico, ma si rivolgono esclusivamente ai detenuti.

 

Ecco che la Puglia sostiene un progetto coordinato di rete di attività dello spettacolo nelle carceri della regione, con la collaborazione delle direzioni degli istituti penitenziari, il coinvolgimento di due eccellenze del territorio in materia di spettacolo dal vivo, Teatro Pubblico Pugliese e Fondazione Notte della Taranta, insieme per sviluppare e fare sistema con lo scopo di allargare l'orizzonte della proposta. In questo senso, l'intervento a regime creerà in Puglia, al pari di quanto realizzato dalla Regione Toscana, un vero e proprio sistema regionale che porterà lo spettacolo dal vivo nelle carceri contribuendo al processo di inclusione e reinserimento della popolazione carceraria.