Martedì, 10 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Collegamento ferroviario Stazione Bari - Aeroporto Wojtyla: il bilancio (VIDEO)

240.000 circa i passeggeri che in 365 giorni hanno scelto questa soluzione di viaggio

Pubblicato in Sviluppo il 22/07/2014 da Redazione
Ad un anno dall’inaugurazione del collegamento ferroviario tra il cuore pulsante del capoluogo, piazza “A. Moro”, con l’aeroporto internazionale “Karol Wojtyla” di Bari Palese si può affermare con certezza che si è trattato di una scommessa vincente.
L’opera, infatti, oltre a perseguire l'obiettivo prioritario di collegare lo scalo aeroportuale alla città e alla sua area metropolitana, ha interessato importanti realtà esistenti già servite dalla Ferrotramviaria Spa: le città di Bitonto, Terlizzi, Ruvo, Corato, Andria e Barletta, i cui residenti hanno potuto accedere direttamente in treno all’aeroporto civile. I dati di traffico, insomma, dicono con chiarezza che la nuova infrastruttura ha consentito all’aeroporto internazionale “Karol Wojtyla” di servire ancora meglio il traffico passeggeri.
Sono 240.000 circa i passeggeri che in 365 giorni hanno viaggiato da e verso l’aeroporto di Bari Palese dalle stazioni di Bari centrale e Barletta dal 19 luglio 2013 allo stesso giorno del 2014. Precisamente il 66% in partenza o in arrivo da Sud, ovvero dal capoluogo di regione; il 34% in partenza o in arrivo dalle destinazioni a Nord, ovvero verso Barletta. Il dato è in continuo incremento. La risposta è stata subito entusiastica: si è passati dalle 5.000 presenze dell’ultima decade di luglio 2013 ai 20.000 superati costantemente da aprile in poi. La proiezione per fine luglio è di 30.000 unità.
I tempi di percorrenza incidono sulla qualità dell’offerta: dall’Aerostazione è possibile raggiungere il centro città in meno di un quarto d’ora grazie a trentasei corse quotidiane, sette giorni su sette, che coprono un arco temporale che va dalle 5,29 alle 23,40. Sono trenta, invece, le corse che dal “Wojtyla” consentono di raggiungere la zona nord del Barese, in direzione Barletta.
Particolarmente apprezzata dall’utenza la presenza di Info Point presso le stazioni di Bari centrale e Aeroporto, presenziati durante l’intero arco della giornata da operatori adeguatamente formati e preparati, che oltre a prestare assistenza ai passeggeri in più lingue, forniscono supporto anche per il nuovo sistema di bigliettazione integrata e per l'acquisto di titoli di viaggio, anche attraverso biglietterie automatiche.
Il collegamento pone Bari al centro del movimento turistico pugliese, ma anche della Basilicata.
Le stazioni terminali di Bari e Barletta rappresentano poi il punto di accesso a gran parte della rete ferroviaria della Regione Puglia attraverso processi di integrazione di orario e commerciali con gli altri operatori.
Attraverso il network ferroviario costituito con Trenitalia e Ferrovie Appulo Lucane, si sta già concretizzando l’obiettivo di consentire l’accesso dai 158 comuni pugliesi serviti dalla rete ferroviaria regionale al più importante aeroporto della regione. La sinergie fra i vari gestori delle reti ferroviarie e gli operatori consente di puntare a principi di interoperabilità, integrazione e intermodalità che fanno e faranno sempre più della Puglia un modello nazionale all’altezza delle più avanzate realtà europee.
La Ferrotramviaria è impegnata nella ricerca di attività promozionali e divulgative del nuovo servizio ferroviario, anche mediante partenariato con soggetti operanti nel settore dei trasporti ferroviario e aeronautico, della comunicazione e del marketing, al fine di accentuare lo sfruttamento della nuova infrastruttura e rafforzarne lo sviluppo.
E’ già stato concluso un accordo di co-marketing con Air Dolomiti Spa ed è in corso una trattativa con Alitalia e Ryanair, società tra le più importanti nello scenario trasportistico europeo, che operano presso l’aeroporto “Karol Wojtyla”. L’obiettivo è di sviluppare attività sinergiche che possano tradursi nell’incremento del traffico viaggiatori. L'intervista all'assessore Gianni Giannini (Guarda il video)