Domenica, 12 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

La Puglia ha il suo primo Osservatorio sulle Discriminazioni di Genere sul Lavoro (VIDEO)

Una importante iniziativa promossa e resa esecutiva dalla Consigliera di Parità regionale Serenella Molendini

Pubblicato in Sviluppo Donne il 16/12/2015 da Ilaria Milella
foto di Luciano Anelli

È realtà l’Osservatorio regionale pugliese sulle Discriminazioni di Genere sul Lavoro. Il nuovo organo di controllo, promosso e reso esecutivo dalla Consigliera di Parità della Regione Puglia, è stato nato grazie alla sottoscrittura di un concordato  in collaborazione con le organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL e le Università di Bari, di Foggia e del Salento.

L’Osservatorio Regionale si propone di agire in continuità dell’azione portata avanti dall’ Osservatorio sull’Attività di Conciliazione Banca Dati discriminazioni sul lavoro istituito dalla Consigliera Nazionale di Parità nel 2010 cercando di fotografare le condizioni del mercato del lavoro locale tramite un’analisi che si avvarrà di strumenti giuridici e socio-economici e di promuovere le politiche attive e il mantenimento della forza lavoro all’interno del mercato.

«É fondamentale realizzare per la Puglia degli strumenti che verranno poi tramandati alle future generazioni-ha dichiarato Serenella Molendini, la Consigliera Regionale di Parità- per questo è centrale investire delle risorse nel campo delle pari opportunità e del lavoro»

Gli obiettivi di tale Osservatorio sono: costituire una rete tra le istituzioni e le parti sociali finalizzata al contrasto delle discriminazioni di genere, realizzare supporto nella promozione di studi specifici, promuovere degli approcci innovativi nell’organizzazione aziendale che tengano conto del benessere dei lavoratori

Tra le attività che l’Osservatorio si propone di portare avanti ci sarà anche l’istituzione di una banca dati in cui far confluire le sentenze e i testi dei contratti collettivi decentrati al fine di creare uno studio sistematico sul tema discriminazione, la collocazione di queste informazioni all’interno del sito della Consigliera delle Pari Opportunità Regione Puglia, l’individuazione di buone pratiche da comunicare alle aziende e da loro già attuate a livello organizzativo e nelle politiche di welfare, attività di sensibilizzazione tramite azioni condivise delle organizzazioni sindacali e datoriali.

«Parte del programma della convenzione riproduce impegni già esistenti – ha dichiarato Ester Tosches, Direttore della Direzione Regionale del Lavoro Puglia – sono stati già attivati contratti di secondo livello e accordi a favore dei lavoratori»

«Abbiamo sottoscritto una convenzione con l’Istituto Pugliese di Ricerche Economico Sociali (IPRES) – continua la Consigliera Molendini – per studiare i rapporti di quelle aziende con personale maschile e femminile che supera le cento unità»

 Inoltre sarà promossa la costituzione di un Albo di Avvocati esperti nel diritto anti discrimino e di un albo di esperti di metodi statistici applicati all’analisi dei fenomeni discriminatori, la fondazione di tavoli tematici sull’argomento guidati da esperti in diritto delle pari opportunità e dinamiche antidiscriminatorie, promozione tramite le Università di ricerche e tirocini sui temi della discriminazione e della conciliazione dinamiche familiari e lavoro che porti alla creazione di un centro studi sulle questioni di genere realizzato in pianta stabile.

«Ho imparato l’importanza di avere come partner l’università a Firenze nel periodo in cui io ero studente-ha dichiarato l’Assessore Regionale al Welfare Salvatore Negro- ho capito che nei luoghi dove manca è impossibile che ci sia crescita politica, culturale ed economica»

Sarà infine prevista la realizzazione di un bando tramite la gestione dei fondi europei che promuova  e veicoli questi messaggi con la produzione d messaggi video da lanciare sul web. 

L'assessore Negro ha espresso grande soddisfazione per il traguardo raggiunto. Di seguito una sua breve dichiarazione.