Venerdì, 6 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Presentato in Fiera il progetto delle Smart Farm in Puglia: nascono le aziende agroalimentari intelligenti

Il presidente Ugo Patroni Griffi: 'Le imprese facciano un salto culturale'

Pubblicato in Sviluppo il 15/09/2015 da Redazione
“E' necessario che le imprese facciano un salto culturale per sconfiggere la tendenza all'individualismo. C'è un mercato globale, in cui vince non chi si isola, ma chi ha la capacità di trovare dei partner”. Non ha dubbi il presidente della Fiera del Levante, Ugo Patroni Griffi, aprendo i lavori del workshop “Il centro servizi del Distretto agroalimentare del tavoliere: modelli di innovazione applicata alla filiera dell'agroindustria. La Smart Puglia 2020 incontra il Canada per scambi di esperienze su temi della sicurezza alimentare e tutela della salute”.
“Nessun individualismo – ha detto in maniera chiara - ma sinergia fra imprese e territori”. In Fiera, il Centro Servizi, che è gestito dal CNR e dal Comune di Foggia, ha inaugurato la sua attività con il primo progetto internazionale di costruzione e valorizzazione delle “Smart Farm in Puglia”, cioè le aziende agroalimentari intelligenti. “Non una vetrina che guarda solo al territorio – ha detto il sindaco di Foggia, Franco Landella - ma un'opportunità che permette alla città di Foggia di affacciarsi sul territorio internazionale e di fare sistema”.
“Noi vogliamo che questo centro – ha dichiarato il presidente del Cnr, Luigi Nicolais – sia un punto di riferimento per le nostre imprese che devono imparare a innovare. Dobbiamo cambiare – ha continuato Nicolais – il modo di fare impresa, perché oggi l'Italia e il Sud, hanno bisogno di reindustrializzazione”. Per Nicolais è necessario che si investa in innovazione per essere competitivi.
“Sono convinto – ha concluso – che questo centro avrà successo, così come sono convinto che il rapporto con l'Università possa essere più fluido”.
Il progetto Smart Farm in Puglia, prevede anche una missione dal 14 al 18 settembre di una delegazione canadese, che vede a capo Alberto De Luca, direttore R&D e Governments Incentives di Deloitte.