Mercoledì, 15 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Matteo Renzi pensa ad una delega ministeriale per rilanciare il Sud

Il premier proporrà una figura che si occuperà delle politiche di coesione territoriale. Intanto ancora incerti i fondi a disposizione per il Mezzogiorno

Pubblicato in Sviluppo il 05/08/2015 da Redazione
Matteo Renzi torna ad occuparsi del Mezzogiorno dopo i risultati agghiaccianti del rapporto Svimez 2014. Il rischio di un sottosviluppo permanente ha aperto gli occhi al Governo: il premier ha convocato la Direzione nazionale del Pd per discutere della questione meridionale. Probabile l’individuazione di una figura che coordinerà le politiche di coesione territoriale, meno sicura la pista che porta all’istituzione di un ministero ad hoc.
Ancora incerti i fondi da impiegare per favorire lo sviluppo economico del meridione: restano 12 miliardi da spendere entro fine anno nell’ambito delle risorse comunitarie (fondo programmazione 2007-2013) ai quali si aggiungono i 40 miliardi della quota per il 2014-2020 e i 50 miliardi del Fondo sviluppo coesione.
La Puglia aspetta l’ok dell’Ue e del suo programma operativo, ossia il documento che spiega come la Regione vuole impegnare il forziere di risorse. Sicuramente i finanziamenti riguarderanno ricerca, innovazione e internazionalizzazione delle imprese.