Mercoledì, 5 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, estate 2015: potenziato il piano complessivo di interventi a favore degli anziani e delle persone fragili

L'assessora Francesca Bottalico: 'Aumentati i servizi di ascolto sociale e monitoraggio sanitario, raddoppiato il servizio di mensa sociale'

Pubblicato in Sviluppo il 03/07/2015 da Redazione
Anche quest’anno il Comune di Bari ha predisposto una serie di servizi volti a garantire, nei mesi estivi, una maggiore tutela per le persone in situazione di estrema fragilità e solitudine e a fronteggiare l’emergenza caldo, le problematiche e i disagi provocati dalle eccessive temperature. Il programma è stato illustrato in conferenza stampa, a Palazzo di Città, dall’assessora al Welfare Francesca Bottalico, dal direttore della Caritas dell’Arcidiocesi Bari-Bitonto don Vito Piccinonna, dalla dirigente del distretto socio-sanitario Asl Bari Ivana Paganelli, dal presidente della cooperativa sociale CAPS Marcello Signorile e dai rappresentanti delle realtà coinvolte.
Diversi gli interventi previsti grazie al lavoro realizzato dalla rete interistituzionale cittadina, promossa dall’assessorato al Welfare e composta da: Prefettura di Bari, Protezione civile Regione Puglia, direzione generale e sanitaria ASL BA, direzione distrettuale ASL BA Ambito di Bari, ASL Bari - Area Immigrati e SFD, servizi socio-educativi dei Municipi Bari, medici di Medicina generale e Pediatri di libera scelta, Caritas Diocesana, Comunità di S. Egidio, servizio sanitario 118, Croce Rossa Italiana, cooperative sociali CAPS, GEA e C.R.I.S.I., associazioni Anteas Bari, Der Garten e Amici del Sermig, Equanima onlus, ufficio Piano sociale di Zona, Centri di ascolto Famiglie e Centri aperti polivalenti di Bari, Polizia Municipale, Polfer, R.F.I. e dalle associazioni di volontariato locali partecipanti.
Si tratta di un piano straordinario territoriale che integra le attività già garantite presso i servizi socio-sanitari e mira ad offrire un sistema complessivo in grado di rispondere ai bisogni dei cittadini più fragili durante il periodo estivo. Quest’estate, peraltro, il programma comprende servizi aggiuntivi rispetto all’estate 2014 che prevedono, in particolare, un rafforzamento delle iniziative d’ascolto e supporto psicologico e della somministrazione di pasti, che saranno distribuiti anche nel mese di luglio.
“Abbiamo potenziato il piano per contrastare gli effetti del caldo - ha esordito l’assessora al Welfare Francesca Bottalico - programmando più servizi legati all’ascolto sociale e psicologico e al monitoraggio socio-sanitario per intervenire su tutte le povertà legate alle persone fragili, da quella alimentare a quella relazionale. È un risultato fondamentale che abbiamo raggiunto tutti insieme grazie all’ampliamento e al consolidamento della rete composta da realtà pubbliche e private e dal volontariato laico e cattolico, che hanno condiviso con l’amministrazione il desiderio di costruire un sistema di protezione e sostegno per i più deboli, gli anziani, le persone sole e per coloro che non godono di un’adeguata protezione familiare e sociale. Dopo aver analizzato i bisogni, anche in base alle esperienze passate, abbiamo cercato di coordinare i servizi ottimizzando professionalità, risorse e interventi e facilitando le procedure di segnalazione e di comunicazione tra gli enti e i cittadini. Tutto ciò che abbiamo realizzato ha aperto un tavolo di confronto continuo tra realtà quotidianamente impegnate su questi temi che non intendiamo disperdere. Stiamo infatti lavorando per creare un coordinamento territoriale stabile di contrasto alle marginalità, specialmente in termini di sostegno e prevenzione”.
“Vorrei sottolineare che le mense non chiudono durante il periodo estivo - ha dichiarato don Vito Picinonna - noi assicuriamo per tutto l’anno i servizi legati alla distribuzione dei pasti e nei due mesi estivi, durante i quali cerchiamo di potenziare altre attività, ci dedichiamo prevalentemente alle iniziative di tipo educativo attraverso i campi scuola, cui partecipano tanti ragazzi spesso provenienti da famiglie bisognose. Allo stesso modo voglio ricordare che, così come restano aperte le mense, sono garantiti anche i posti letto nei nostri dormitori”.
“La particolarità di quest’anno - ha sottolineato Marcello Signorile - sta nel fatto che anche a luglio distribuiamo i pasti nel centro Area 51, programmando turni e giornate in base ad una mappatura delle mense che restano aperte nei mesi estivi. Ovviamente saranno attivi tutti i servizi che vengono quotidianamente richiesti dagli utenti, compreso il P.I.S. che sta ricevendo sempre più richieste da anziani e persone con difficoltà psichiche o da chi subisce lo sfratto.