Martedì, 16 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

La crisi piega l'artigianato pugliese, diminuite le imprese

I dati del Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati Unioncamere

Pubblicato in Sviluppo Lavoro Sviluppo e Lavoro il 03/05/2014 da Redazione
Cala sempre più il numero delle imprese artigiane in Puglia. Sono 73.404, pari al 19,5 per cento del totale delle aziende (375.821), mentre l’anno prima erano 75.376. E’ questa la stima del secondo report sulla nati-mortalità delle attività economiche, elaborato dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati Unioncamere dall'inizio anno al 31 marzo scorso, le cessazioni (2.556) hanno superato le iscrizioni (1.231), con un saldo negativo di 1.972 unità (-2,6 per cento). Il saldo negativo è dovuto, principalmente, alla perdita di ben 1.025 ditte di costruzioni, pari ad una flessione del 3,9 per cento. Seguono le attività manifatturiere che hanno perso 524 unità, con un decremento del 2,9 per cento. Negativo anche l’andamento del commercio all’ingrosso e al dettaglio (meno 117 aziende, pari ad un tasso negativo dell’1,7 per cento) e del settore dei trasporti che registra un calo del 3,7 per cento (152 unità in meno). Aumentano, invece, le agenzie di viaggio: ce ne sono 1.552 contro le 1.431 del primo trimestre dell’anno scorso. Analisi per settori.
L’artigianato pugliese si concentra nei settori delle costruzioni (34,8 per cento), delle attività manifatturiere (23,5), delle altre attività di servizi (16,5), del commercio all’ingrosso e al dettaglio (9,1), del trasporto e magazzinaggio (5,4). "Questi confermano una situazione che la nostra Associazione denuncia da tempo - ha commentato il presidente di Confartigianato Imprese Puglia, Francesco Sgherza - Le aziende artigiane e le piccole e medie imprese, che in una prima fase sono riuscite a reggere meglio di altre l’impatto con la crisi, scontano, oggi, in maniera drammatica l’onda lunga dell’avversa situazione economica. Parliamo dunque di un numero di cessazioni più che doppio rispetto alle iscrizioni. E’ questo è un dato già di per sé inquietante".


loading...