Mercoledì, 11 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il CIHEAM-Bari presenta il primo Incubatore di impresa Mediterraneo

L'iniziativa è dedicata ai settori agroalimentare e dello sviluppo rurale

Pubblicato in Sviluppo il 02/02/2015 da Redazione
La Regione Puglia e la Camera di Commercio di Bari, grazie alla sponsorizzazione del Politecnico di Milano, la Luiss Rural Hub, accelleratore salernitano, insieme al CHIEAM di Bari hanno selezionato 30 progetti di startup innovative proposte da imprenditori under 35 per MED-AB, incubatore d’impresa nel settore agroalimentare. Hanno partecipato Cosimo Lacirignola, Segretario del CHIEAM, Fabrizio Nardoni e Guglielmo Minervini, Assessori regionali, Bernardo Notarangelo, membro dell’assessorato del Mediterraneo, Marco Noseda per il Politecnico di Milano e Stefano Marastoni, economista dell’Innovazione.
MED-AB, iniziativa nata durante il progetto Fooding si propone di promuovere quei progetti che porranno particolare attenzione ai prodotti agroalimentari del bacino mediterraneo. Il Programma avrà la durata di sei mesi in cui sarà avviato un percorso d’affiancamento ad esperti nell’area dell’innovazione e delle startup. Al termine dell’accompagnamento, 5 progetti d’impresa riceveranno un finanziamento totale pari a €60.000 per avviare la loro attività, da che verranno erogati metà in servizi e metà in liquidi.
Tra i 30 progetti selezionati erano presenti: Vito Valenzano referente per “Eaternet”, una startup che si propone di aiutare i piccoli imprenditori rurali ad approcciarsi con le nuove forme del mercato online; Teresa Leone per “Cutapù”, una community sul web nata per raccontare e promuovere quelle imprese legate alla promozione della dieta mediterranea; “Olivhealt”di Cosimo Colucci, startup che promuove la conoscenza e gli usi dell’olio tramite la creazione di piste ciclabili; e Adriana Tosi per “Luna e Papaveri”, gruppo nato per sostenere la biodiversità e l’uso delle piante spontanee.
Il Segretario del CHIEAM Cosimo Lacirignola ha dichiarato: «La nostra ambizione è quella di realizzare un luogo di competenze per il futuro, dove la conoscenza non ha un luogo fisico, ma antenne capaci di recepire i bisogni e li catalogano nei diversi contenitori della conoscenza, e collegare queste competenze al territorio per accrescere il benessere della Puglia». Nel video le dichiarazioni di Cosimo Lacirignola e Guglielmo Minervini. (GUARDA IL VIDEO)