Mercoledì, 5 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ruvo di Puglia, torna il dog trekking con i cani ospiti del canile

Lega Nazionale Per La Difesa Del Cane e Arci La Mancha insieme per favorire l’incontro tra amanti della natura e cani meno fortunati

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 30/07/2020 da Redazione

Domenica 2 agosto torna il Dog Trekking a cui parteciperanno eccezionalmente alcuni cani ospiti del canile comunale di Ruvo di Puglia, l’iniziativa è organizzata dalla sezione locale della Lega Nazionale per la Difesa del Cane e L’Arci La Mancha ed è il secondo appuntamento di una manifestazione che, nei progetti degli organizzatori, diventerà un’iniziativa stabile dal prossimo settembre.

In cammino, un pomeriggio, sulla Murgia con una compagnia eccezionale: un trekking per favorire l’incontro tra amanti della natura e cani meno fortunati. Un evento in cui i partecipanti possono accompagnare al guinzaglio alcuni amici a quattro zampe che vivono stabilmente all’interno del Canile di Ruvo di Puglia e passare un pomeriggio immersi nella natura per sensibilizzare alla cura e all’adozione di cani residenti nel canile.

Il secondo appuntamento, dopo quello dello scorso 11 luglio, prosegue un ciclo di eventi di dog trekking organizzati insieme dalla sezione di Ruvo della
Lega Nazionale per la Difesa del Cane e l’Associazione La Mancha pensati per favorire la conoscenza della comunità nei confronti dei cani ospiti all’interno del rifugio di Ruvo di Puglia e del lavoro svolto dagli operatori e dai volontari che saranno presenti durante il trekking per favorire e accompagnare l’incontro tra trekker e cani.

I posti disponibili sono tutti esauriti e i partecipanti del dog trekking si sono resi disponibili, in queste settimane, con l’aiuto dei volontari, a recarsi in canile per conoscere i loro compagni a quattro zampe di trekking. Un percorso che facilita e promuove il benessere dei cani ospiti in canile: l’obiettivo primario di questo evento.


Durante il trekking saranno presenti responsabili del canile, volontari e un educatore cinofilo.