Venerdì, 10 Aprile 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, il comune finanzia le piccole imprese che intervengono nelle aree di degrado urbano

Le attività riceveranno un finanziamento massimo di 80 mila euro. In pubblicazione il bando sui contributi per l’installazione di sistemi di videosorveglianza

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 28/12/2016 da Giuseppe Bellino

Agevolazioni per piccole e medie imprese che interverranno in aree di degrado urbano o sociale della città. È l’obiettivo del 9° bando MAP online da domani sul sito del comune di Bari. Le attività che parteciperanno al bando riceveranno un finanziamento massimo di 80mila euro: il 50% sarà erogato a fondo perduto, mentre l’altra parte avrà un tasso di interesse agevolato. Sono presenti anche dei fondi a progetto: chi non è un commerciante può richiedere un anticipo per avviare una attività. La somma messa a disposizione dal Comune di Bari ammonta a circa 1 milione e 150 mila euro, ma entro fine anno i fondi potrebbero raddoppiare e arrivare così a 2,9 milioni di euro.

 

“Interveniamo nelle aree periferiche – ha spiegato il sindaco Antonio Decaro – cerchiamo di orientare il commercio in città dando più punteggio alle attività che vorranno riqualificare immobili o aprire nuove attività nelle aree di degrado urbano”.

Son escluse le attività esercitate su area pubblica o all’interno dei centri commerciali, i compro oro, centri scommesse, sale giochi e bed&breakfast. Nessun finanziamento per chi vuole ristrutturare o aprire bar o ristoranti per le strade del centro storico.

 

Tra le aree interessate figurano i quartieri San Paolo, ‘Stanic’, San Girolamo e Japigia, mentre particolare attenzione sarà riservata a via Manzoni, come spiegato dall’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone: “Questa strada commerciale deve ricominciare a vivere – ha spiegato – stiamo cercando nuove attività legate all’innovazione ma anche alla tradizione”.

 

Nella giornata di domani sarà pubblicato anche il nuovo bando che prevede contributi per l’installazione di sistemi di videosorveglianza all’esterno delle attività commerciali. 

“È fondamentale avere un sistema di videosorveglianza – ha aggiunto il sindaco Decaro -  che funga da deterrente per i reati di cui possono essere vittima e che spesso è stato utilizzato a supporto delle indagini per reati consumati nella nostra città”.

Circa 40 mila euro saranno a disposizione per finanziare il 50% dell'investimento complessivo dell'installazione della telecamera

Ogni attività commerciale che presenterà domanda avrà diritto ad una somma massima di 500 euro.