Sabato, 27 Novembre 2021 - Ore
Facciamo Notizie

Bari, a Porta Futuro incontro con il ministro Poletti:'Puntiamo ad un reddito di inserimento'

Il governatore Michele Emiliano ha consegnato la legge e il regolamento del #ReD, il sindaco Decaro ha presentato al ministro job center

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 26/07/2016 da Redazione

Questa mattina si è svolto, presso gli spazi del job center Porta Futuro, l'incontro "Lavoro, giovani, imprese, territori", organizzato da Comune di Bari e ACI - Alleanza Cooperative Italiane Puglia, cui ha partecipato il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti. Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha accolto il ministro insieme al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, al portavoce di ACI Puglia Carmelo Rollo, all'assessore regionale alla Formazione Sebastiano Leo e all'assessora alle Politiche del lavoro del Comune di Bari Paola Romano.
La visita del ministro è stata l'occasione per il sindaco per presentare il progetto di Porta Futuro, il job center avviato lo scorso novembre nella ex Manifattura dei Tabacchi, e di Porta Futuro 2, l'incubatore d'impresa che sorgerà nello stesso edificio storico, nei locali del piano terra.
"Credo non ci sia luogo migliore di questo per parlare di giovani e giovani imprese - ha dichiarato Antonio Decaro -. Oggi abbiamo la possibilità di incrociare tre temi fondamentali per lo sviluppo del nostro territorio: lavoro, imprese e giovani. Tre elementi che troveranno all'interno della ex Manifattura dei Tabacchi un punto di riferimento importante con l'apertura di Porta Futuro 2, l'incubatore d'impresa in cui vogliamo generare sinergie attraverso l'incrocio di questi fattori con i soggetti che troveranno spazio in questo edificio, primo tra tutti il CNR dell'area metropolitana di Bari”.
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha dichiarato che “ dobbiamo costruire uno spirito di appartenenza, di fiducia nel futuro. Lo stiamo facendo investendo somme rilevanti: la Regione combatte la crisi con il sostegno, la coesione sociale, la formazione. Questo sistema di lotta alla crisi lo vogliamo costruire con la collaborazione del Ministero: ho simbolicamente portato qui al Ministro sia la legge che il regolamento di Red, il Reddito di Dignità che proprio da oggi diventa operativo con la possibilità di presentare domande”.
Il ministro Poletti ha continuato sulla stessa linea del governatore pugliese annunciando che il governo sta lavorando su “un piano nazionale per avere uno strumento che garantisca uno standard comune a tutta l’Italia”.  "Naturalmente - ha aggiunto il ministro - ogni regione su questo versante, con la propria strumentazione, si può mettere nelle condizioni di fare di più e di meglio. Quindi lavoriamo insieme per avere da una parte un reddito di inserimento, che é una condizione che sarà presente in tutto il Paese perché lo stiamo sviluppando a livello nazionale. Poi avremo un'azione a livello territoriale che ogni regione farà, e noi naturalmente agiamo perché questi strumenti si parlino, si integrino e realizzino il miglior risultato possibile".



loading...