Giovedì, 24 Settembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, inaugurato il primo tratto della poligonale nella zona industriale di Bari

Il sindaco Decaro: 'Questa strada sarà l'alternativa alla statale 16'

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 21/10/2016 da Redazione

Questa mattina il sindaco metropolitano, Antonio Decaro, ha inaugurato, alla presenza dell’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Giovanni Giannini, e del consigliere metropolitano delegato alla Viabilità, Michelangelo Cavone, il primo tratto della Poligonale.

La “bretella” inaugurata oggi è un’opera viaria realizzata dalla Città metropolitana che collega via delle Magnolie con via dei Gladioli e fa parte di un più ampio progetto infrastrutturale che consentirà collegamenti più rapidi e agevoli nella zona industriale di Bari, nonché l’accesso alle principali direttrici viarie dell’area metropolitana barese.

All’incontro sono intervenuti anche il presidente di Confindustria Bari-Bat, Domenico De Bartolomeo, e il presidente del Consorzio ASI, Emanuele Martinelli.

Il tratto di strada aperto oggi rientra nel percorso, di oltre 30 km, della Poligonale esterna di Bari per cui, nei giorni scorsi, la Città metropolitana ha appaltato i lavori per realizzare altri due stralci per un importo complessivo di 26 milioni di euro.

La bretella realizzata incrocia anche via delle Violette, dove è stata realizzata una rotatoria di connessione fra le due zone dell’Asi, con l’obiettivo di fluidificare il traffico come proposto dallo stesso consorzio ASI e dall’Associazione industriale Bari-Bat. L’importo dei lavori ammonta a 2 milioni e 600 mila euro (finanziamento misto CIPE – Città metropolitana) e prevede un ulteriore prolungamento della strada, in corso di realizzazione, che collegherà la ex statale 98 con la statale 96.

“Oggi inauguriamo un tratto di quella che sarà la Poligonale di Bari, un “collegamento tra angoli” del territorio che ne faciliterà l’attraversamento - dichiara il sindaco di Bari Antonio Decaro -. Questo progetto è frutto dell’intuizione di un ingegnere che lavorava nell’ex Provincia che, pensando ad un’alternativa alla strada statale 16, invece di realizzare una strada ex novo, pensò bene di collegare i tanti tratti esistenti. Il progetto complessivo ha, quindi, per noi oggi un valore straordinario dal punto di vista dei collegamenti infrastrutturali dell’area metropolitana perché, a regime, la strada, partendo dall’aeroporto, intersecherà l’autostrada A14, la SS 96, che è la direttrice per Matera e la SS 100, che permette di raggiungere tutti i Comuni della Valle d’Itria, zone che hanno per noi una valenza straordinaria sul fronte dello sviluppo turistico e culturale. Questa arteria, inoltre, favorirà anche la mobilità dei cittadini residenti dei Comuni metropolitani del barese, che per spostarsi verso nord e verso sud non saranno più costretti a utilizzare la SS 16. Questo risultato è oltremodo importante perché sia la bretella stradale sia la rotatoria realizzata rappresentano un esempio di determinazione e collaborazione amministrativa: tutti i soggetti coinvolti hanno voluto andare fino in fondo sia nel reperire i finanziamenti sia nel portare a termine le procedure autorizzative e burocratiche, favorendo così lo sblocco dell’opera e la sua realizzazione”.