Giovedì, 22 Aprile 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Fibra ottica, la Puglia tra le regioni con maggiore copertura

La nostra regione si sta distinguendo a livello nazionale per il gran numero di imprese e iniziative innovative legate al digitale

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 14/03/2017 da Teresa Salerno

Buone notizie per la Puglia in merito alla diffusione della fibra ottica e delle connessioni veloci. Proprio nella nostra regione, e nel sud Italia in generale, il nuovo osservatorio di SosTariffe ha riscontrato la più alta presenza di reti ottiche a 100 megabit. Un dato incredibile se paragonato a quello del resto del paese e che ha portato alla nascita di nuove e importantissime iniziative imprenditoriali legate a Internet e al digitale.

Una buona situazione, quella del Meridione, legata soprattutto agli investimenti pubblici realizzati con i fondi europei 2007-2013 che hanno permesso di realizzare il 70% della copertura registrata dall'osservatorio. Proprio grazie a questi aiuti comunitari l'Italia ha oggi il 16,28% dei comuni che possono usufruire della fibra ottica. Un dato che cresce in maniera esponenziale se guardiamo il sud: la regione più coperta è infatti la Calabria con il 57% dei comuni raggiunti, seguita dalla Campania con il 41%, dalla Toscana (36%, unica eccezione al “dominio” meridionale), dalla Puglia (35,2%) e dalla Sicilia (33,4%).

Dati eccezionali, quindi, per le regioni del sud e per la Puglia in particolare, territorio che si sta distinguendo a livello nazionale per il gran numero di imprese e iniziative innovative legate al digitale che stanno nascendo proprio in questi anni. Troviamo così casi di successo individuale come quello del grinder pugliese Alessandro De Iaco che proprio grazie alla validità della rete infrastrutturale regionale è riuscito a costruirsi una carriera di successo nel mondo del poker online.

Assistiamo a interventi come quello del Comune di Bari che vuole essere uno dei primi in Italia a essere coperto da connessioni ultra-veloci fino ad arrivare ad “Apulia Manufacturing RDMI Hub”, iniziativa promossa dalla regione e da Confindustria per creare un punto di riferimento digitale per tutte le imprese manifatturiere del territorio. Successi individuali e iniziative pubbliche che nel prossimo futuro porteranno la Puglia a un livello di competitività e conoscenza nazionale e internazionale ancora tutto da scoprire.

Sono passati pochi mesi, inoltre, da quando il Comune di Bari ha dichiarato che la città sarà interamente cablata con fibra ottica super veloce entro il 2018. Un progetto frutto della collaborazione tra amministrazione comunale ed Enel Open Fiber (EOF), divisione di Enel dedicata allo sviluppo delle infrastrutture per la banda ultra larga, che prevede la copertura del 50% degli immobili entro il settembre di quest'anno e dell'80% entro lo stesso mese del 2018. Un'iniziativa che prevede un investimento di circa 40 milioni di euro e che pone la città di Bari all'avanguardia in Italia: proprio il capoluogo pugliese, infatti, è uno dei primi 5 della penisola insieme a Catania, Venezia, Perugia, e Cagliari ad aver inaugurato i lavori per il cablaggio della rete ultra veloce che permetterà una velocità di trasmissione dati da 1 Gb al secondo sia in download che in upload.

Nel frattempo, la Puglia si pone in prima fila anche nei processi di innovazione delle piccole e medie imprese. Sarà proprio questo territorio, infatti, a ospitare il primo HUB europeo, denominato “Apulia Manufacturing RDMI Hub” per aiutare le aziende manifatturiere nella transazione verso l'economia digitale. L’iniziativa, approvata e sostenuta dall'Unione Europea, è inserita nella rete degli HUB che offriranno supporto e specializzazioni per affrontare il futuro di “Manifattura 4.0” a livello continentale.

La proposta pugliese ha visto collaborare molti soggetti e coinvolge diversi partner, sia pubblici che privati: i soggetti capofila sono Confindustria Bari e BAT che si avvarranno della preziosa collaborazione del Politecnico di Bari, del Distretto Regionale della Meccatronica Pugliese MEDIS e di importanti imprese del territorio come Exprivia, MacNil-Zucchetti, SimNT che si stanno mettendo in luce nei settori dell’Information and Communication Technology.

L'hub pugliese si propone di essere un punto di snodo fondamentale per le aziende di ogni dimensione che si preparano ad affrontare questo periodo di transizione e per aiutarle a reperire i finanziamenti necessari all'innovazione. Un progetto, infine, che promuoverà due tecnologie particolarmente legate alla manifattura 4.0: l’Internet of Things (IoT) e il CPS (Cyber Physical System) ossia quei processi in grado di creare una connessione tra la rete web e gli oggetti fisici.

 



loading...