Sabato, 19 Settembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Coronavirus, Emiliano incontra i prefetti: 'Aumentare i controlli, siamo ancora nel pieno della pandemia'

Il governatore pugliese: 'C’è un convincimento sbagliato da parte di molte altre persone che il rischio sia passato'

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 07/08/2020 da Redazione

Il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, sta incontrando i prefetti della regione e le autorità di sicurezza. Il tema dell’incontro è il contenimento dell’epidemia di Coronavirus e i controlli che devono essere fatti per rispettare le regole di prevenzione.

 

“Ogni giorno leggo i vostri commenti e osservo le immagini che mi mandate – scrive Emiliano in un post su Facebook - alcune destano preoccupazione specie nei luoghi della movida, nei locali pubblici e discoteche, nelle spiagge in particolare quelle libere.  È bene che voi sappiate che da presidente di Regione non ho il potere di effettuare direttamente questi controlli, solo le autorità di sicurezza possono farlo. Così come non ho il potere di “chiudere” i confini della Regione, come alcuni di voi chiedono, perché in questa materia lo Stato italiano ha competenza esclusiva. I temi di cui parliamo hanno una dimensione nazionale”.

 

“Da quando è finito il lockdown in Italia è ripresa la libera circolazione e sono state riaperte tutte le attività – prosegue il governatore -. Questa contro il coronavirus è una guerra di lungo periodo, dobbiamo imparare a vivere nelle condizioni più vicine possibili alla normalità, sostenendo la nostra economia e la sopravvivenza sociale di milioni di pugliesi, ma adottando regole di prevenzione ferree.  Noi queste regole severe le abbiamo fissate e prevedono sanzioni altrettanto severe per chi non le rispetta, abbiamo delle linee guida nazionali e regionali che devono essere osservate da tutti. In tanti si comportano correttamente e con senso di responsabilità e a loro dico grazie, fate bene. C’è però un convincimento sbagliato da parte di molte altre persone che il rischio sia passato: non è così perché siamo ancora nel pieno della pandemia”.  

Da qui la richiesta del presidente alle Prefetture di aumentare gli sforzi per rassicurare la popolazione ed evitare che qualcuno abbassi la guardia.