Sabato, 24 Agosto 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Dispositivi antiabbandono per bambini, ecco cosa dice la bozza del decreto

Michele Servalli, CEO di Remmy: “ Sono soddisfatto ma perplesso”

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 02/02/2019 da Redazione

Ancora qualche mese e finalmente entrerà in vigore la norma che porterà più sicurezza per i bambini in auto. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha predisposto la bozza del decreto che stabilisce le caratteristiche tecniche dei dispositivi antiabbandono che diventeranno obbligatori nei prossimi mesi per chi porterà in macchina bambini fino a 4 anni di età. Il testo potrebbe non essere ancora definitivo ma non cambierà nelle sue impostazioni di fondo. Il dispositivo potrà essere un accessorio a parte (per chi il seggiolino ce l'ha già) o integrato in un nuovo seggiolino (per chi deve ancora acquistarlo).
 Michele Servalli, fondatore e Ceo di Remmy (il primo dispositivo anti-abbandono disponibile al mondo già dal 2013) commenta le caratteristiche individuate nella bozza: “Sono molto soddisfatto perché di fatto le caratteristiche di questa bozza riprendono tutte le indicazioni da me fornite durante l'audizione in commissione Trasporti, voluta del ministro Toninelli, ma allo stesso tempo sono perplesso. C’è un aspetto del documento che non mi convince. Nell’Allegato A punto 2 lettera f della bozza del decreto attuativo della legge 117 del 1 ottobre 2018 infatti si specifica che i dispositivi antiabbandono debbono essere dotati di un sistema di comunicazione automatico per l’invio, per mezzo delle reti di comunicazione mobile senza fili, di messaggi o chiamate ad almeno 3 diversi numeri di telefono. Sento però il dovere di fare un po’ di chiarezza su questo aspetto perché noi di Remmy lo avevamo già analizzato nel 2013 (esiste infatti il prototipo dello Smart Remmy) ed escluso perché di fatto non aggiunge sicurezza al nostro dispositivo ma ne aumenta il costo di produzione e costo di gestione da parte del cliente (che dovrà dotarsi di una sim dedicata e accollarsi i costi fissi per contratti telefonici). E’ invece punto fondamentale per quei sistemi che basano il funzionamento esclusivamente su comunicazione Bluetooth. Si supera così la questione “se non ho il cellulare”, “se dimentico il cellulare in auto”, ”se ho il cellulare scarico”. In questo modo infatti è direttamente il dispositivo presente sempre in auto, alimentato automaticamente, con sim autonoma, a chiamare o scrivere in caso di pericolo Per onestà intellettuale devo aggiungere che per Remmy non sarà un problema – prosegue Servalli - nel caso in cui il tutto dovesse essere confermato; semplicemente anticiperemo la produzione dello Smart Remmy già in programma, in modo da fornire al Cliente un prodotto in linea con le prescrizioni di legge. Confido però che la bozza venga rivista e semplicemente venga modificata la parola “debbono” in “possono” nel punto 2.f delle Caratteristiche Tecnico-funzionali. Sarà cosi il genitore che potrà scegliere il tipo di dispositivo da adottare (con o senza invio di messaggi) senza per altro diminuire il livello di protezione per i propri bimbi. In ultimo – conclude Servalli – mi sento di dover rassicurare le migliaia di clienti che hanno adottato Remmy, cosi come le centinaia di Rivenditori Autorizzati, che nel malaugurato caso in cui non verranno prese in considerazione le nostre obiezioni, provvederemo ad intervenire con la sostituzione o l’adeguamento dei prodotti in circolazione. Lo facciamo e lo faremo perché da sei anni crediamo e vogliamo la sicurezza dei bambini; Remmy è nata proprio per questo, quando nessuno sembrava interessato a questo tema”



loading...