Venerdì, 6 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Regate olimpiche: Bari tra le due città selezionate dal Comitato promotore Roma 2024

Il sindaco Decaro: 'Ospitare a Bari le regate olimpiche del 2024 e tutte le manifestazioni ad esse connesse significherebbe per noi raggiungere un grande risultato'

Pubblicato in Sport il 28/11/2015 da Redazione

Bari è tra le due città italiane selezionate dal Comitato promotore Roma 2024, presieduto da Luca di Montezemolo, quale possibile sede delle regate veliche nell’ambito della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024.

A darne notizia il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha ricevuto una nota ufficiale da Luca di Montezemolo ad esito dell’analisi dei dossier di selezione delle città di Bari e di Brindisi curati dal presidente dell’ottava zona della FIV - Federazione Italiana Vela Alberto La Tegola. Quest’ultimo è stato investito del ruolo di coordinatore per la redazione dei dossier dal presidente della Regione Puglia Emiliano solo poche settimane fa. Ciononostante, su 14 città italiane in lizza, tra cui campi di regata di grande tradizione, Bari in base ai tre indicatori individuati - condizioni meteomarine, condizioni ambientali e infrastrutture e logistica – rientra tra le due città selezionate, sulle quali sarà realizzato un ulteriore approfondimento.

Ora il Comitato promotore Roma 2024, con il sostegno del gruppo di lavoro della Regione Puglia coordinato dall’arch. La Tegola e del Comune di Bari, dovrà completare il dossier entro gennaio 2016 in vista dell’esame della commissione della Federazione Internazionale Vela (ISAF) e del Comitato internazionale olimpico (CIO), che dovranno scegliere in via definitiva la città italiana sede delle regate olimpiche per Roma 2024.

“Ospitare a Bari le regate olimpiche del 2024 e tutte le manifestazioni ad esse connesse - dichiara il sindaco Antonio Decaro - significherebbe per noi raggiungere un grande risultato perché potremo davvero dire di aver lavorato nella direzione giusta quando abbiamo scelto come priorità della nostra azione di governo la ricucitura urbanistica, sociale ed economica della città con il suo mare. Questo evento avrebbe per la città un ritorno straordinario sotto molteplici aspetti e consacrerebbe Bari tra le grandi città italiane. Si tratta di un’occasione straordinaria, che non possiamo e non vogliamo mancare, per cui da subito siamo pronti a mettere in campo tutte le migliori energie e le competenze di cui disponiamo per mostrare al Comitato Promotore e al Paese intero il programma per la città, le politiche e le azioni già avviate in questi mesi e le nostra grande voglia di fare di Bari finalmente una meravigliosa città di mare”.

“È stata una corsa contro il tempo - commenta il presidente Michele Emiliano - che, grazie all’architetto La Tegola, ci ha consentito di superare una durissima selezione tra i più prestigiosi campi di gara italiani. Mi auguro davvero che l’Italia e la Puglia possano ospitare le Olimpiadi del 2024. Se la scelta dovesse ricadere su di noi, la Regione Puglia sosterrà il Comitato olimpico italiano e la Federazione italiana vela nell’organizzazione di questo prestigioso evento. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno collaborato in tempi brevissimi alla redazione del dossier e a quanti da oggi dovranno dedicare tutte le loro energie a trasformare questo sogno in realtà”.

“Sono contento - conclude l’architetto Alberto La Tegola - e soprattutto soddisfatto per aver fatto un buon lavoro con l’aiuto di tutti gli enti che si sono fatti trovare pronti a fornire risposte e dati utili a comporre i dossier per le due città pugliesi. La strada è ancora lunga, ma siamo convinti che la candidatura delle nostre città possa essere un elemento qualificante la candidatura di Roma e dell’Italia per il 2024. Il primo risultato dimostra che ci abbiamo visto giusto quando, con il presidente Emiliano, abbiamo condiviso la proposta di candidare Bari e Brindisi. Conto sullo spirito di squadra che si è costituito con tutti gli enti in quest’ultimo mese, nella certezza di poter fornire la massima collaborazione al Comitato Promotore”.