Lunedì, 26 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Pirlo e Conte, l'allievo contro il maestro

La differenza di esperienza farà la differenza?

Pubblicato in Sport il 17/09/2020 da Teresa Salerno

Manca ormai pochissimo al ritorno alle ostilità nel campionato italiano di calcio. La Serie A 2020-21 è ai blocchi di partenza e vede già una gerarchia più o meno consolidata nella quale la Juventus e l'Inter partono senza dubbio davanti a tutte. Stiamo parlando, infatti, dei campioni d'Italia in carica da nove stagioni e dei secondi in classifica del campionato scorso, il che già da ora rende l'idea di quanto la sfida potrà essere equilibrata. Se i bianconeri possono contare sulla spinta emotiva di andare a inseguire il sogno del decimo scudetto consecutivo, il che rappresenterebbe un record assoluto, i nerazzurri vivono invece della motivazione di tornare a vincere un trofeo nazionale dopo oltre dieci anni dall'ultimo. Eppure, il confronto tra Juventus e Inter avrà un'altra connotazione interessante, dato che rappresenterà la sfida inedita tra Andrea Pirlo e Antonio Conte, due tecnici che sono stati a stretto contatto durante le tre stagioni nelle quali l'attuale allenatore dell'Inter ha allenato la Vecchia Signora dal 2011 al 2014.

Nove anni fa, il progetto del tecnico pugliese avrebbe fatto rinascere proprio la Juve dalle sue ceneri dopo la depressione legata a Calciopoli. In quell'occasione, l'arrivo proprio di Pirlo sarebbe stato un toccasana per Conte, che lo avrebbe messo al centro del suo progetto tattico in un 3-5-2 fatto ad arte che esaltò la tecnica e la panoramica di gioco del regista bresciano. Con Conte, Pirlo imparò anche a posizionarsi meglio in mezzo al campo e visse una serie di anni di grande rendimento, prendendo anche definitivamente in mano il gioco della nazionale italiana, con la quale conquistò l'argento agli europei del 2012. Il destino ha dunque voluto che nove stagioni dopo l'incontro tra i due a Vinovo, adesso Conte e Pirlo siano rivali nella lotta allo Scudetto, una lotta nella quale la Juventus ha un leggero vantaggio secondo gli attuali pronostici delle scommesse sportive online. A favore della Juve parla non solo l'esperienza e l'abitudine a vincere ma anche una rosa nella quale ci sono tanti senatori come Buffon, Bonucci e Chiellini, tutti ex pretoriani di Conte, e ovviamente un attaccante prolifico e affidabile come Cristiano Ronaldo. La forza della squadra torinese risiede dunque in una rosa di assoluto valore che si è per altro rinforzata con gli arrivi del centrocampista Artur e della mezzala offensiva Kulusevski, due ottimi giocatori che forniranno alternative tattiche al neo allenatore bianconero.

Dall'altro lato, però, la differenza di esperienza tra i due tecnici è notevole: Pirlo non ha mai allenato nessuna squadra ed essere gettato così presto nella mischia potrebbe finire per essere controproducente. Conte, invece, ha un curriculum importantissimo da allenatore e vanta già una serie di titoli come quelli vinti proprio con la Juventus e con il Chelsea, mentre tutti ricorderanno la sua grande cavalcata con l'Italia agli Europei del 2016, quando solo la Germania sconfisse gli azzurri ai rigori.

L'allievo Pirlo che sfida il maestro Conte si presenta come una delle storie più affascinanti del campionato di Serie A che sta per iniziare. Il campo dirà chi tra i due finirà per avere ragione alla fine del torneo.