Lunedì, 15 Ottobre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

SSC Bari, parla Brienza: 'Voglio riportare questa piazza il più in alto possibile'

Il fantasista 39enne è ripartito dalla Serie D con i biancorossi: 'L'ambiente ha risposto con entusiasmo, ma non è una sorpresa'

Pubblicato in Sport il 04/10/2018 da Redazione

“Essere di nuovo qui è emozionante: questa è una vita nuova, stimolante, che sto affrontando con massima serenità. Se ho accettato di tornare è per questo e perché voglio dimostrare che nonostante la mia età posso ancora esprimere qualcosa sul campo”. Sono le parole di Franco Brienza, fantasista 39enne tornato a Bari per ripartire dal nuovo progetto targato Luigi De Laurentiis.

“Quando ho detto che ripartiamo dalla polvere per arrivare in paradiso – continua il centrocampista lombardo in conferenza stampa - è perché dopo quello che è successo a una piazza come questa, che merita altri palcoscenici, si può solo risalire. Il rammarico per lo scorso anno è che forse la squadra avrebbe potuto fare qualcosa in più per raggiungere l'obiettivo che avevamo. Ecco, se devo riassumere, siamo diventati squadra troppo tardi. Ma parlare del passato ora è irrilevante, sappiamo tutti come è andata. Dispiace solo per un gruppo di lavoro che ha fatto il possibile per raggiungere un obiettivo. Sull'espulsione a Cittadella dispiace, ma in quel momento mi sono girato e dietro non vedevo più nessuno. Mancava ancora qualche minuto e ho fatto fallo. Chiudere così è stato brutto sicuramente, ma allo stesso tempo mi sentivo sereno per quello che avevo dato in campionato”. 

“Ho sempre detto che avrei voluto festeggiare i 40 anni in serie A – prosegue Brienza -. Ora invece riparto da qui e l'obiettivo è riprendere ciò che è rimasto incompiuto. La mia scommessa ora è portare il Bari più in alto possibile finché potrò farlo. Per farlo mi alleno molto, perché più vai avanti e più hai bisogno di migliorare. Quando sei giovane hai energie che non pensi di avere, ma con il passare del tempo è necessario lavorare di più soprattutto sulla forza.  La serie D è un campionato molto più agonistico che tecnico e anche la regola degli under incide, perché non tutte le squadre riescono a reperire under validi”.

“L'ambiente ha risposto con entusiasmo – conclude Brienza - ma non è una sorpresa. Bari ha sempre risposto così, soprattutto nei momenti più difficili. Credo che nella sfortuna e dopo quello che è successo sia la città, sia i tifosi siano stati fortunati ad avere oggi una società come questa, credibile e solida”. 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet