Mercoledì, 24 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Salute, a Bari la campagna di sensibilizzazione sul mieloma multiplo

'Mieloma Ti Sfido' fa leva sulla metafora della scherma e si avvale del coinvolgimento di due "paladini" d'eccezione: Aldo Montano ed Elisa Di Francisca

Pubblicato in Salute il 22/03/2019 da Redazione

È stata presentata oggi, a Palazzo di Città, "Mieloma Ti Sfido - Io non mi lascio cadere", la campagna di sensibilizzazione sul mieloma multiplo avviata lo scorso 13 novembre a Roma, che sta toccando alcune tra le più importanti città italiane. Obiettivo della campagna è quello di promuovere l'impegno comune contro il mieloma multiplo, il secondo tumore ematologico più diffuso dopo i linfomi non-Hodgkin, far conoscere i risultati ottenuti durante il trattamento e incoraggiare le persone che lottano contro questa malattia.

La campagna Mieloma Ti Sfido fa leva sulla metafora della scherma, che rappresenta il duello con il mieloma in cui il paziente è coinvolto quotidianamente, e si avvale del coinvolgimento di due "paladini" d'eccezione: Aldo Montano, medaglia d'oro nella sciabola ai Giochi Olimpici di Atene 2004, ed Elisa Di Francisca, due ori nel fioretto alle Olimpiadi di Londra 2012. Sono loro i due testimonial della campagna, protagonisti di un video per il web che, insieme all'installazione itinerante "I Duellanti", allestita da oggi fino al 24 marzo in corso Vittorio Emanuele, veicolerà ai cittadini il messaggio chiave: unirsi alla sfida contro il mieloma multiplo e aiutare i pazienti a non cadere, perché i progressi delle terapie possono incoraggiarli nel loro percorso di cura. Il pubblico sarà invitato ad unirsi alla sfida scattando un selfie nei pressi dell'installazione e condividendolo sui propri profili social insieme all'hashtag #iotisfido.

"Siamo particolarmente onorati, come Comune e città di Bari, di supportare la campagna Mieloma Ti Sfido - ha detto Francesca Bottalico -. L'assessorato al Welfare da tempo è impegnato a promuovere il benessere delle persone e a sostenere tutti coloro che lottano quotidianamente per superare la malattia che li ha colpiti. La promozione della cultura della prevenzione è un lavoro che si costruisce insieme, dal punto di vista istituzionale, sanitario e associativo, e con la ricerca scientifica, a sostegno di chi è colpito dalla malattia ma anche delle stesse famiglie. Per i familiari che si prendono cura e assistono i loro parenti ammalati abbiamo promosso un progetto specifico e mirato, affinché non si sentano soli e possano essere supportati in questo difficile percorso".

Il mieloma multiplo è il secondo tumore del sangue per diffusione, colpisce prevalentemente le persone anziane (età media 70 anni) ed è caratterizzato dall'alternanza tra periodi di remissione, ottenuti grazie all'efficacia delle attuali terapie, e la comparsa di recidive che hanno un impatto pesante sia sul piano fisico che su quello psicologico. Negli ultimi anni la gestione del mieloma multiplo è decisamente cambiata, non tanto relativamente al trapianto di cellule staminali autologhe, procedura ben consolidata da decenni e considerata terapia di scelta per i pazienti in età e condizioni ottimali, quanto piuttosto per la disponibilità e i risultati delle terapie che precedono e seguono il trapianto.



loading...