Venerdì, 1 Luglio 2022 - Ore
Facciamo Notizie

Giornata Mondiale della Salute

Emiliano interviene su Lancet sulla modifica alla Costituzione che tutela l’ambiente e la salute: ora più che mai una prospettiva sostenibile per Taranto

Pubblicato in Salute il 07/04/2022 da Redazione

Nella Giornata Mondiale della Salute il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commenta su Lancet, una delle più prestigiose riviste scientifiche in ambito medico, la recente modifica alla Costituzione Italiana in tema di protezione ambientale e degli ecosistemi. È stato infatti appena pubblicato su Lancet Regional Health Europe un contributo a più voci per sottolineare lo storico via libera dell’8 febbraio scorso ai nuovi articoli 9 e 41 della Costituzione.

 

“Esattamente due mesi fa, il Parlamento ha approvato a maggioranza assoluta l’inserimento della tutela dell’ambiente nella nostra Costituzione, novità importante che può essere a buon diritto presentata come modello per l’Europa e per qualsiasi Paese”, commenta il Presidente Emiliano. “Il Parlamento ha riformulato il precedente articolo 9 della Costituzione, che parlava genericamente di tutela del paesaggio, ma anche l’articolo 41 sulla libertà d’iniziativa economica privata, affermando chiaramente che non può essere esercitata in contrasto con l'utilità sociale o quando lede la sicurezza, la libertà, la dignità umana, la salute e l'ambiente, prevedendo adeguati programmi e controlli affinché le attività economiche pubbliche e private possano essere orientate e coordinate a fini sociali e ambientali. Tutti possono facilmente comprendere quali ricadute possano derivare in tutti i territori, inclusa la Puglia, dal poter invocare una norma costituzionale chiaramente incentrata sulla protezione della salute umana che tiene conto anche dei suoi determinanti ambientali. Forti anche della nuova copertura costituzionale, non ci stancheremo di continuare a chiedere una soluzione per Taranto in grado di tutelare l’ambiente e la salute”.

 

È il Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), Alessandro Miani, a spiegare il senso dell’annuncio dato su Lancet: “Abbiamo voluto dare il massimo risalto possibile anche nella comunità medica e scientifica a questo memorabile passaggio costituzionale compiuto dal nostro Paese, affinché possa essere d’esempio almeno per gli altri Stati membri dell’Unione Europea ai fini dell’inserimento della tutela dell’ambiente nei rispettivi ordinamenti giuridici. La coincidenza di questa pubblicazione con l’odierna giornata mondiale della salute è quanto mai appropriata perché tutto quello che facciamo per l’ambiente si traduce automaticamente in un beneficio per la salute umana. Su tale evidenza, l’OMS definisce infatti anche la crisi climatica che stiamo vivendo come la più grande minaccia sanitaria per l’umanità, stimando in oltre 13 milioni i decessi che ogni anno si verificano a livello globale in conseguenza di cause ambientali”.  

 

“L'emendamento costituzionale a tutela dell’ambiente e della biodiversità  è conforme all’approccio One Health, che riconosce l'interdipendenza della salute umana e degli ecosistemi, adottato dall'UE nella prospettiva di prevenire l’antibiotico-resistenza e le future epidemie o pandemie originate da zoonosi, come esemplificato dall'attuale pandemia COVID-19”, sottolinea il primo firmatario dell’articolo Prisco Piscitelli, epidemiologo vicepresidente SIMA, designato dal Presidente Michele Emiliano ai rapporti con le istituzioni scientifiche internazionali. “Ma il recepimento costituzionale della tutela ambientale apre anche nuove possibilità di applicazione del principio di precauzione sancito dall'articolo 191 degli attuali Trattati di funzionamento dell'Unione Europea, la cui applicazione è stata finora difficile in situazioni reali, come le procedure autorizzative di attività a potenziale impatto ambientale, proprio per la mancanza di chiari riferimenti nel nostro ordinamento giuridico”.

 

Firmatari dell’Articolo: Michele Emiliano (Presidente della Regione Puglia), Prisco Piscitelli e Alessandro Miani (Vicepresidente e Presidente SIMA), Sergio Costa (Già Ministro per l’Ambiente), Andrea Costa (Sottosegretario alla Salute), Nicola Caputo (Assessore Regionale all’Agricoltura e Foreste della Campania), Francesco Schittulli (Presidente LILT), Marco Bonabello (Direttore per la Sicurezza Economica e Ambientale dell’Assemblea Parlamentare OSCE), Fabio Pollice (Geografo e Rettore dell’Università del Salento), Alfonso Pecoraro Scanio (ex Ministro dell’Ambiente), Antonio Felice Uricchio (Giurista e Presidente ANVUR).

 



loading...