Venerdì, 16 Aprile 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

La giunta Emiliano al Bari calcio: "Pagate oppure sarà fallimento"

Il perchè della decisione in una conferenza stampa del sindaco e De Franchi

Pubblicato in Politica il 31/01/2014 da Redazione
Adesso c'è un atto ufficiale secondo il quale il Comune chiede all'As Bari di saldare i debiti, pena la richiesta di fallimento da parte dell'ente. Si consuma così un altro strappo tra l'Amministrazione di Michele Emiliano e la società calcistica dei Matarrese. Uno scontro che, è ovvio, riporta al braccio di ferro per la vicenda dei palazzi di Punta Perotti e che ora riguarda una palla che rotola. Quel pallone che rischia di perdersi in città, perché c'è una società, quella del Bari calcio, indebitata e che non riesce a pagare i suoi creditori.
Uno di questi è il Comune di Bari che alla società biancorossa chiede oltre 600 mila euro così come riconosciuto anche da un giudice che si è pronunciato sulle ultime pendenze del Bari calcio nei confronti del Comune.
La Giunta, su proposta dell'assessore Rocco De Franchi (delegato al Contenzioso) ha autorizzato l'avvocato Bianca Laura Capruzzi - si legge nella delibera - di promuovere ogni azione utile al recupero coattivo del credito vantato, autorizzando la notifica di atto di precetto,nonché la proposizione ed instaurazione di ogni azione, sia in sede esecutiva, sia (e questa è la parte più pesante, ndr) con ricorso per dichiarazione di fallimento".
Un atto perentorio quello della Giunta Emiliano che, però, avrebbe visto alcuni assessori assenti al momento dell'approvazione della delibera.
"Abbiamo dato mandato all'Avvocatura di intraprendere qualunque strada, dal pignoramento all'istanza di fallimento. Il tempo di attesa è scaduto, sto terminando il mio mandato e non voglio lasciare al mio successore questa situazione complessa". E' questo uno dei punti più salienti del discorso che Michele Emiliano ha fatto durante la conferenza convocata nel pomeriggio per illustrare la delibera approvata in giunta questa mattina. Con lui, l'assessore allo sviluppo economico Rocco De Franchi.
"Utilizzando il diritto sportivo - ha continuato Emiliano vogliamo almeno tutelare il titolo sportivo durante il campionato in corso e non a stagione finita perché quel titolo sarebbe depauperato e il club ripartirebbe dalle serie minori".
"La prudente attesa di segnali da parte del club, che è una spa a scopo di lucro, non è più possibile – ha aggiunto il sindaco - e per questo siamo intervenuti. La giunta ha dato l’indirizzo ma sarà l’ufficio legale a scegliere la formula adatta a tutelare gli interessi del Comune".
Emiliano ha definito l'attuale prospettiva per il Bari "mortificata e mortificante" e "di una vera agonia senza prospettive" ma allo stesso tempo ha ribadito che l'amministrazione non ha lasciato nulla di intentato e "resta a disposizione se la società dovesse essere pronta a far fronte ai debiti nei nostri confronti".

Il primo cittadino si è soffermato anche sull'entità del contenzioso: "Abbiamo una sentenza esecutiva su un credito di 605mila euro, ma l’intero ammontare debitorio supera i due milioni di euro.

Al termine della conferenza stampa l'assessore De Franchi ha comunicato che "il precetto nei confronti del Bari calcio partirà già domani".



loading...