Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il Presidente Napolitano a Bari fra applausi e proteste spontanee

Non solo il calore dei baresi a salutare il ritorno a Bari del Presidente della Repubblica. I giovani hanno rivendicato più rispetto per Diritto allo Studio e Lavoro

Pubblicato in Politica Cultura e Spettacoli il 29/10/2013 da C.F.

Il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano è tornato a Bari.

Una visita lampo per rendere omaggio al mondo della cultura meridionale e visitare il “Palazzo ex Enel” progettato negli anni Cinquanta da suo fratello l’architetto Massimo Napolitano insieme al collega Vittorio Chiaia. Un edificio che, dopo una lunga ristrutturazione commissionata dall’Università di Bari, oggi è stato restituito alla città.  

Il Capo dello Stato, prima di visitare la mostra allestita all’interno del Palazzo, ha scoperto la targa in memoria dei due architetti tra tanti applausi e qualche contestazione. Certamente in un clima diverso da quello che in altri tempi sarebbe stato più disteso.

Un gruppo di giovani ha esposto uno striscione rosso (rimosso dalla sicurezza) gridando lo slogan: “Basta sacrifici”. Un altro gruppetto di ragazzi ha protestato contro l'acquisto degli F35 a difesa del Diritto allo Studio. Sono stati anche gettati in aria volantini con la scritta: “Napolitano responsabile del governo della crisi”.

Mentre a chi, tra i giornalisti presenti, gli ha chiesto di commentare la  richiesta di impeachment avanzata in queste ore da Beppe Grillo ha risposta deciso: ''Sono venuto qui per una riflessione su Mezzogiorno e Cultura, di altro non mi occupo''.

Secondo tappa istituzionale, prima di un pranzo riservato organizzato da parte della sua famiglia che vive a Bari, il convegno “Cultura e Mezzogiorno, una nuova strategia per il Paese” organizzato nell’aula magna “Aldo Cossu” dell’Ateneo. Ai lavori sono intervenuti, tra gli altri, il Rettore Corrado Petrocelli, il Ministro dei Beni Culturali Massimo Bray, il Presidente di Confindustria Mezzogiorno Alessandro Laterza e il Presidente di Federculture Roberto Grossi.

“Mi auguro che il Presidente voglia ascoltare questo nostro grido di dolore perché abbiamo subito negli ultimi anni una emorragia di fondi, di docenti e dei nostri talenti che si sono orientati fuori, non trovando sbocchi nelle proprie attività scientifiche e di carriera" - ha detto Antonio Uricchio il nuovo Rettore dell’Università di Bari che subentrerà a Petrocelli in Novembre - Il sistema Paese, voglia investire sulle nostre Università e sul nostro Sud proprio perché siamo certi che l'Università e il Meridione possono essere il volano dello sviluppo del paese".

 

 



loading...