Martedì, 15 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

FI: la rivolta guidata da Fitto, nè 'Forza Renzi' e nè 'Forza Salvini'

Con il leader pugliese quasi la metà dei gruppi parlamentari

Pubblicato in Politica il 26/11/2014 da Redazione
"Ritengo sia doveroso un azzeramento delle cariche per mettere in campo un sistema di elezione della nostra classe dirigente che sia un sistema dal basso". Lo afferma Raffaele Fitto uscendo da Palazzo Grazioli al termine del Comitato di presidente di FI che precisa: "Il centravanti lo dovranno scegliere gli elettori". Chiaro il riferimento a Matteo Salvini leader di una coalizione di centrodestra.
Né Forza Renzi, né Forza Salvini. Non possiamo essere sempre gregari. E' quanto ha sottolineato, raccontano alcuni presenti, l'europarlamentare Raffaele Fitto al comitato di Presidenza in corso a Palazzo Grazioli. Fitto ha parlato di una linea politica strana adottata dagli azzurri, tale da confondere gli elettori di FI. E' invece indispensabile un rilancio su temi e contenuti a partire dall'economia. FI è apparsa o troppo schiacciata sul governo Renzi o troppo aggressivi ma così confondiamo i nostri elettori. C'è troppa 'renzologia' e troppa 'salvinologia', commentiamo l'attività degli altri anziché essere protagonisti, ha spiegato Fitto secondo il quale il modello organizzativo del partito è un problema grandissimo.
Poi ancora: Serve uno choc organizzativo in FI, bisogna rimettere tutto in mano agli elettori per avere una partecipazione, avrebbe sottolineato, secondo alcuni presenti, Fitto al comitato di Presidenza di FI. Il tema delle primarie è stato posto da mesi perché, in caso contrario, saranno gli alleati di FI nel centrodestra a trascinare il partito alle primarie, avrebbe osservato Fitto.
Fitto, in un passaggio del suo intervento al comitato di presidenza, avrebbe detto che il patto del Nazareno va bene, ma bisogna mantenere la schiena dritta.
Da Forza Italia Fitto nega l'addio ('Ho già rinnovato la tessera') e chiede 'primarie per tutti, anche per Berlusconi'.