Sabato, 28 Marzo 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Sospeso il sindaco di Fasano, fuori gioco per le provinciali

Non potrà votare e ne' essere votato

Pubblicato in Politica il 26/09/2014 da Redazione
Il sindaco di Fasano (Brindisi), Lello Di Bari, sospeso ai sensi della legge Severino in virtù di una condanna in primo grado a 8 mesi di reclusione per abuso d'ufficio, non potrà votare né essere candidato alle prossime consultazioni per la elezione di secondo grado del presidente e del consiglio provinciale di Brindisi indetta per domenica 12 ottobre.
L'esclusione di Di Bari dalla lista degli elettori ammessi alla consultazione elettorale è stata decisa dall' ufficio elettorale della Provincia in conseguenza al parere espresso dal ministero dell'Interno ed inviato alla Provincia per il tramite della Prefettura di Brindisi. In tale parere si fa presente che «gli amministratori comunali sospesi in applicazione del decreto legislativo 235/2012 non possono essere considerati in carica; di conseguenza gli stessi non hanno diritto all'elettorato attivo e passivo nelle elezioni di secondo grado del presidente e del consiglio provinciale, nè possono sottoscrivere le relative liste e candidature».
Nel medesimo parere, il ministero precisa che neppure il vice sindaco facente funzioni, Gianleo Moncalvo, potrà esprimere il voto in quanto non rientra nelle figure che godono dell' elettorato attivo e passivo per le elezioni provinciali.