Martedì, 18 Febbraio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Fini: 'La destra riparta dagli elettori e non dagli eletti' (VIDEO)

A Bari tappa di Liberadestra. Sì alle primarie per le regionali

Pubblicato in Politica il 25/10/2014 da Gian Vito Cafaro
Il passato è passato. Ora è il momento della "nostalgia dell'avvenire", raccomanda Gianfranco Fini riprendendo un'espressione di Giorgio Almirante. Pensare al futuro, guardare a quello che sarà.
Un compito difficile per la destra italiana divisa tra partiti e sigle poco vicini tra loro.
L'ex presidente della Camera e storico leader di Alleanza nazionale ha avviato un percorso di riflessione con Liberadestra (un pensatoio culturale, "non un partito", precisa Fini) che ha un unico scopo: partecipare alla costruzione di una nuova destra.
Il giro d'Italia di Fini parte da Bari dopo il prologo romano di giugno (puntando sul lavoro di un comitato promotore che ha tra gli ispiratori Giuseppe Tatarella, nipote del famoso Pinuccio) e che finirà quando Liberadestra avrà toccato diverse regioni.
In quel momento sarà fatta sintesi. Il resto, si vedrà.
Per ora Gianfranco Fini, fatto ammenda dei suoi errori passati ("spero lo facciano anche altri"), chiede: "Cosa significa essere di destra?".
"In poco tempo la società è cambiata, si è globalizzata", risponde Fini in un cinema barese. Questo l'approccio che fa da sfondo ad ogni risposta alla domanda cardine sulla natura della destra oggi.
"Ripartiamo dagli elettori e non dagli eletti senza avere nostalgie del passato, di quello che è avvenuto. Rivolgiamoci a chi è preoccupato della destra che verrà, esorta l'ex presidente di Montecitorio.
In cima alle priorità c'è l'interesse nazionale, delle imprese, dell'agricoltura, dei municipi. "No a soluzione estreme come fuori dall'Euro - puntualizza Fini - sì invece ad una vera politica economica e fiscale". Poi: ritrovare la concordia tra capitale e lavoro, pensando alla produzione di ricchezza e cacciando la speculazione finanziaria; detassare la prima casa; pensare al quoziente familiare; cancellare quelle intese europee che impegnano solo gli stati confinanti ai paesi in guerra, all'accoglienza degli immigrati.
Sono tutte premesse di una costruzione di una casa comune a cui Fini ha detto di voler contribuire. Esponendosi ma senza l'ambizione di voler ricoprire un ruolo di leader ("non ci sono leader per tutte le stagioni", ha ripetuto). E senza invocare un giovanilismo a tutti i costi: "Si può essere giovani anche ad ottant'anni. E bisogna esserlo non solo nelle immagini ma anche nei contenuti".
Infine, con la stampa, Fini interpellato sulle regionali in Puglia benedice le primarie di coalizione, ma allo stesso tempo si dice scettico sul loro svolgimento.