Mercoledì, 11 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

La Consulta boccia un articolo della legge regionale sulla assunzione degli esterni

La norma prevedeva la possibilità di stabilizzare i precari anche per agenzie regionali, enti e Autorità di bacino

Pubblicato in Politica il 25/02/2016 da Redazione

La Corte Costituzionale ha bocciato l’art. 4 della legge regionale della Puglia n. 47 del 2014 che estende alle agenzie regionali, agli enti, all’Autorità di bacino e alle società in house della Regione Puglia le norme sulla stabilizzazione del personale precario dell’ente regionale.  La legge viola l’articolo 117 della Costituzione che regola la potestà legislativa dello Stato e delle Regioni.

L’articolo 2 della legge regionale pugliese, che riguarda  stabilizzazione del personale regionale non dirigenziale in possesso dei requisiti di legge per l'assunzione a tempo indeterminato, resta in piedi: la Corte ha infatti respinto il ricorso di Palazzo Chigi per “carenza di motivazione”.