Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, presentate tre liste per il Consiglio della Città Metropolitane

Poche le donne candidate, sono solo tre

Pubblicato in Politica il 22/09/2014 da Redazione
Sono tre le liste che il 12 ottobre prossimo concorreranno per l’elezione del primo Consiglio della Città Metropolitana di Bari. Dopo il deposito delle liste avvenuto entro le 12 di oggi, l'ufficio elettorale istituito presso la Provincia sta verificando la correttezza formale del materiale elettorale.
Le forze del centrosinistra corrono con 'Città insiemè sostenuta da Pd, Sel, Realtà Italia, con liste civiche che sostengono il sindaco, Antonio Decaro, e il presidente della Regione Nichi Vendola e la lista Pisicchio. I candidati sono 18, cioè il massimo possibile per lista e tra loro vi sono solo tre donne.
Per il centrodestra è stata presentata 'Alleanza per la Città Metropolitanà sostenuta da FI, Udc, Fratelli d’Italia, Impegno civile e il movimento Schittulli. Anche in questa lista i candidati sono 18, due dei quali sono donne.
La terza lista, 'Terre democratiche', raccoglie nove candidati appartenenti a liste civiche. Tra loro - purtroppo - nessuna donna.
Si voterà domenica 12 ottobre dalle ore 8 alle ore 20 nella sala giunta del Palazzo della Provincia per eleggere 18 consiglieri metropolitani. Hanno diritto al voto i 717 sindaci e consiglieri comunali dei 41 Comuni della Provincia di Bari. Il seggio sarà allestito nella Sala Giunta del Palazzo della Provincia di Bari. Saranno eletti i primi 18 consiglieri metropolitani di Bari. A votarli saranno i 717 sindaci e consiglieri comunali dei 41 Comuni della Provincia di Bari. A loro sarà consegnata una scheda elettorale di colore diverso a seconda del peso specifico del voto che varia a seconda della popolazione residente in ciascuno dei 41 Comuni baresi (si passa da un indice ponderato di 820 per Bari a un indice ponderato di 15 dei Binetto e Poggiorsini, i paesi più piccoli della Provincia). Ogni sindaco o consigliere è comunque chiamato a esprimere una sola preferenza.