Giovedì, 29 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Sabato prossimo gli Stati Regionali delle Donne di Puglia #versoPechino2020

Il Manifesto sarà discusso con i candidati alla Presidenza della Regione Puglia e consegnato nelle mani di una garante 'speciale'

Pubblicato in Politica Donne il 20/05/2015 da Redazione
Le Donne di Puglia, “ripartendo dal lavoro”, sono pronte a connettersi con il resto d’Italia e d’Europa in vista della Conferenza Mondiale “Pechino vent’anni dopo” che si terrà a Milano in settembre.
Sabato 23 maggio 2015 - in una giornata che vedrà protagoniste imprenditrici, artigiane, docenti universitarie, libere professioniste, politiche, mediche e cittadine di tutta la regione – nascerà il Manifesto degli Stati Regionali delle Donne di Puglia che offrirà il suo contributo alla Conferenza Mondiale, e diventerà da subito argomento di confronto con i candidati Presidenti alla Regione Puglia che parteciperanno ai lavori conclusivi dell’incontro.
Serenella Molendini, Consigliera di Parità della Regione Puglia e referente degli Stati Regionali delle Donne di Puglia, ha illustrato il programma dei lavori del 23 maggio che si terranno nella Camera di Commercio di Bari, e che vedranno la partecipazione di Teresa Bellanova, Sottosegretaria al Lavoro e Politiche Sociali; Elena Gentile, Parlamentare Europea e componente la Commissione Lavoro e Affari Sociali; Angela Barbanente, Vice Presidente della Regione Puglia e Isa Maggi, Coordinatrice Nazionale degli Stati Generali delle Donne.
“La politica della differenza è una pratica preziosa per donne e uomini in cui si parte da sé e si pratica la relazione – ha detto Serenella Molendini - Ma quale relazione? Non basta essere connesse in rete, o far parte di un'associazione, non è sufficiente, questa è una relazione superficiale! Abbiamo voluto provare ad instaurare una relazione trasformativa: un gruppo si regge se ciascuna avrà la consapevolezza di essere il nodo di una rete a maglie larghe senza gerarchie e subordinazioni, ma con una visione collettiva di orizzonti. Ripartire dalla "cooperazione" per connettere lavori frammentati, sostenere il reddito di cittadinanza o di esistenza, rendere visibile il lavoro riproduttivo, il lavoro informale, il lavoro invisibile, tutta quella massa di lavori necessari per la sopravvivenza e la vita delle società e che sfuggono alle larghe maglie del riconoscimento giuridico dei diritti del lavoro.
Abbiamo organizzato, grazie al supporto di alcune consigliere provinciali o di altre istituzioni, o di donne impegnate nel sindacato o nel sociale, incontri provinciali a Lecce, Bari, Foggia, Taranto.
Abbiamo utilizzato la rete FB e Twitter per rimanere in contatto e farne una piazza di discussione e partecipazione. L’entusiasmo, la voglia di mettersi in gioco, di proporre o semplicemente testimoniare è stata corale. Abbiamo ricevuto più di 80 abstract da organizzazioni, associazioni, gruppi spontanei di lavoro, imprenditrici”.
Le aree tematiche di lavoro su cui le donne pugliesi hanno lavorato, e continueranno a lavorare sabato prossimo sono: democrazia paritaria, lavoro, imprese/start up donne & politica, stili di vita, giovani donne, confronti tra generazioni, donne & territorio, comunicazione, innovazione, nuove tecnologie, i processi di integrazione, le famiglie migratorie, leadership, politiche ed azioni intorno al Mediterraneo, cambiamento, potere, creatività, fragilità economica e sociale, sport, formazione/ educazione, violenza.
Per favorire la partecipazione delle mamme degli Stati Regionali delle Donne, cittadeibimbi.it organizzerà un angolo allattamento, fasciatoio e scalda biberon per i neonati e un laboratorio per costruire un libro per i bimbi dai 5 anni. Ai lavori sono invitate (e invitati) anche tutti coloro che non hanno preso parte agli incontri provinciali.
Infine, le linee guida del Manifesto saranno sottoposte alle candidate e ai candidati alla Presidenza della Regione Puglia (dalle ore 16 alle ore 18) e consegnate nelle mani di una “garante” speciale che Stati Regionali delle Donne di Puglia presenterà agli intervenuti.