Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ferrovie: Bari - Napoli e raddoppio adriatica determinanti per il Sud

Il Governatore di Puglia scrive al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Pubblicato in Politica il 18/03/2014 da Redazione
''L'alta capacità Bari-Napoli ed il raddoppio della dorsale adriatica tra Termoli e Lesina sono infrastrutture determinanti per rendere protagonista il Mezzogiorno d'Italia negli scenari di sviluppo complessivo disegnati dall'Unione Europea''. Lo ha scritto il Governatore della Regione Puglia Nichi Vendola che ieri ha inviato una lettera al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi per chiedere la convocazione di incontri specifici sulle due questioni prospettate relative in particolare al trasporto ferroviario. Proprio oggi tra l'altro, e' previsto un incontro tra Lupi e Vendola entrambi presenti al convegno organizzato da Confindustria Bari-Bat nel capoluogo pugliese su 'Infrastrutture di trasporto in Puglia: Un'opportunita'per l'Europa'.
''La delicatezza delle due questioni che investono il collegamento tra il corridoio tirrenico e quello adriatico e la possibilita' di utilizzare efficientemente quest'ultimo anche per il trasporto delle merci indirizzate ai porti di Taranto e Gioia Tauro - si legge nella lettera - richiede uno sforzo di tutti i soggetti interessati a ricercare soluzioni praticabili, tempestive e, si spera, definitive''. Vendola evidenzia come entrambi gli interventi stiano incontrando ''difficolta' impreviste che ne ritardano l'esecuzione in un contesto in cui i mercati si autoriorientano verso soluzioni piu' pronte a cogliere le sfide che si devono affrontare''.
Nella lettera Vendola illustra le difficolta' delle due opere: ''per l'alta capacita' Bari-Napoli sembra che Rete Ferroviaria Italiana intenda ribandire la gara per la tratta Apice - Orsara a seguito della rescissione contrattuale avvenuta con l'Impresa Rabbiosi in amministrazione straordinaria. Tale soluzione dilaterebbe ulteriormente il termine per l'entrata in esercizio dell'alta capacita' gia' di per se' lontano (2028 ndr) - sottolinea - a causa della complessita' del progetto da realizzare. Anche per quanto riguarda il raddoppio della dorsale adriatica nella tratta da Termoli a Lesina, si sono registrate, alle soglie dell'approvazione del progetto preliminare da parte del Cipe, posizioni contrarie da parte della Regione Molise che potrebbero determinare, oltre che un allungamento dei tempi di realizzazione dell'opera, un considerevole aumento dei costi previsti''. Infine auspica che il ministro convochi ''specifici incontri sulle questioni prospettate, nella certezza che tanto ne determinerebbe un piu' rapido superamento''.


loading...