Lunedì, 17 Febbraio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Comune di Bari, altra novità: Lacoppola da Ncd passa a Realtà Italia

Critica la sua analisi verso Forza Italia

Pubblicato in Politica il 16/07/2014 da Redazione
Il Consiglio comunale di Bari non si è ancora insediato, ma c’è già il primo passaggio di un consigliere eletto nel centrodestra al centrosinistra. Si tratta del trentanovenne Vito Lacoppola, primo degli eletti con Ncd. In una coalizione appiattita - ha detto Lacoppola ai giornalisti - sempre più su posizioni oltranziste, più vicina alla destra estrema che al centro dialogante, con una insopprimibile vocazione locale alla sconfitta, eterodiretta da una élite politica a cui sta più a cuore il mantenimento delle proprie rendite di posizione che la cura della crescita di una nuova classe dirigente, è grande il disagio di chi, sin dalla prima esperienza politica, si è collocato nell’aria di centro e quindi nasce moderato, per scelta e vocazione. Chi si propone – ha aggiunto Lacoppola - ai cittadini elettori, e da questi viene premiato con il miglior risultato di lista, ha verso essi il dovere morale di realizzare il documento programmatico per il quale è stato votato. E quando il partito nel quale è stato eletto, che si professa moderato, torna al dialogo stringente con la coalizione da cui si era staccato, la scelta di lasciarlo è ineludibile’.
‘Siamo un partito giovane – ha aggiunto Olivieri - aperto ai giovani. Tutte le decisioni che prendiamo sono il frutto di riflessioni profonde e di confronti aperti che coinvolgono anche la base del nostro partito. Dove ci collochiamo? Senza ombra di dubbio noi ci riconosciamo nei valori e nei programmi dello schieramento di centrosinistra a Bari come in altre città, direi che rappresentiamo l’anima centrista del centrosinistra. Con l’adesione del consigliere Lacoppola al Comune di Bari – ha aggiunto Olivieri – il sindaco Decaro potrà contare sull’appoggio di un gruppo composto da ben 4 consiglieri giovani, lungimiranti e motivatissimi, insieme a quello preziosissimo dell’assessore al patrimonio, Vincenzo Brandi, e del presidente del II Municipio, Andrea Dammacco’.