Sabato, 19 Settembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Regionali, Fitto presenta il programma: 'Smonterò il sistema di potere di Emiliano'

Il candidato del Centrodestra presenta i progetti per il futuro: sanità, welfare e tasse i temi caldi

Pubblicato in Politica il 15/09/2020 da Redazione

“Non voglio diventare il nuovo giostraio della Regione Puglia al posto di Emiliano, io smonterò pezzo dopo pezzo questa giostra che il centrosinistra pugliese ha creato per dare risposte alle richieste dei cittadini": lo ha dichiarato Raffaele Fitto, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia, facendo riferimento alle Agenzie regionali attivate nell’ultima legislatura durante la conferenza stampa organizzata a Bari per presentare il programma di coalizione.

“Ogni sei mesi - ha continuato - in questa regione si è dato vita ad un’Agenzia per risolvere i problemi che sono rimasti irrisolti. E’ accaduto, ad esempio, con i rifiuti: l’Ager in piena campagna elettorale, 10 giorni fa, ha messo in campo consulenze per 300mila euro. Questa è la fotografia della Puglia. Vogliamo fare una riorganizzazione totale, Ager ha distribuito solo incarichi politici. Dobbiamo rompere questo meccanismo, al di là della formula, rompere questo schema di potere della sinistra in Puglia”.

Sono dieci le grandi aree tematiche sulle quali si incentra la proposta elettorale del centrodestra in Puglia,  con grande attenzione che viene data al delicato tema della salute e del welfare. Altra questione centrale è quella delle tasse, con Fitto che prevede di poter abbassare le imposte di competenza regionale partendo dalla riduzione della tassazione sui nuclei familiari con più di due figli minori. Al centro del programma anche l’ambiente, con interventi di bonifica nelle aree di Taranto e Brindisi, e l’ambiente, con l’attuazione di un piano pluriennale di monitoraggio della Xylella Fastidiosa. Tra i progetti del candidato anche rivitalizzazione dei musei e delle pinacoteche pugliesi e la riprogrammazione dei fondi europei non spesi in linea con le nuove esigenze post-Covid.