Giovedì, 9 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Sul decreto salva Ilva interviene il Governatore di Puglia Vendola

'Problemi rinviati di decreto in decreto. Abbiamo perso due anni”

Pubblicato in Politica Lavoro Ambiente Sviluppo e Lavoro il 11/07/2014 da Redazione
“Ho l’impressione che questo ennesimo decreto certifichi soltanto la paralisi operativa degli strumenti tecnici elaborati dai vari governi. Come si vede, nessuno degli enormi problemi della fabbrica è stato affrontato ed è in via di soluzione. E’ una preoccupazione che ho avuto già modo di esprimere in molte occasioni. Purtroppo, spesso in solitudine. Il rischio è che restino ancora intatti e senza soluzione, i problemi decennali dell’inquinamento ambientale e quelli legati al destino di ventimila posti di lavoro”. Così il Presidente della regione Puglia Nichi Vendola ha commentato il decreto sull’Ilva approvato ieri dal Governo Renzi.
“Ogni Governo – ha aggiunto Vendola - sforna decreti come fossero pozioni magiche in grado di risolvere i nodi del più grande siderurgico d’Europa. E’ come se l’emergenza togliesse spazio alla opportuna, necessaria riflessione politica. E così quest’ultimo decreto rivela che siamo tornati alla casella di partenza. Abbiamo perso due anni e abbiamo un Piano ambientale sulla carta largamente da cantierizzare ed i cui termini vengono, di provvedimento in provvedimento, progressivamente rinviati”.
“Se è vero come si dice che l’Ilva è un sito strategico di interesse nazionale – ha sottolineato il Presidente della Regione Puglia - è giunto il momento di chiederci se non si debba prevedere un intervento della Cassa Depositi e Prestiti per finanziare, con un prestito oneroso, quel Piano Ambientale che corre il rischio di rimanere ancora al palo perchè privo di fondi. Gli unici veri argomenti che potrebbero aiutare il Paese a condividere un approccio costruttivo nei confronti del destino della grande fabbrica sono questi: quale futuro per la siderurgia nazionale e come trovare il punto di equilibrio tra i principi costituzionali di produzione, salute, ambiente e lavoro. Questi temi sono completamente assenti dal dibattito pubblico ed istituzionale con il risultato che sia Taranto che tutti gli altri territori interessati dalle grandi produzioni industriali, restano senza una risposta netta e perdono ogni giorno fiducia nei confronti di tutte le istituzioni di governo. Ci sono molte domande - ha concluso Vendola - che inducono a chiedere al governo di convocare un tavolo che, con un chiaro indirizzo politico, affronti il problema con la necessaria e profonda riflessione tecnico-giuridica”.