Sabato, 21 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Alfano a Bari: primarie fondamentali per vincere al Comune e alla Regione

Il leader di Ncd applaudito nello Spazio 7 della Fiera del Levante da circa quattromila persone

Pubblicato in Politica il 11/01/2014 da Redazione

"Vogliamo che tutti i militanti ed elettori del centrodestra siano uniti e che scelgano il proprio candidato sindaco a Bari con le primarie".   Lo ha detto il leader del Ncd, Angelino Alfano, oggi nel capoluogo pugliese per la convention del Ncd in cui si è parlato di Sud. "Questa è la strada che ci porterà a vincere la Regione se vinciamo il comune", ha ribadito.

Dinanzi a circa quattromila presenti, il leader del Ncd - insieme al Presidente del Nuovo Centrodestra Renato Schifani, al Ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello, alla Ministra per l'Agricoltura Nunzia De Girolamo e la Ministra per la Sanità Beatrice Lorenzin - ha dichiarato che il governo deve andare avanti perché il "centro destra possa rafforzarsi e vincere nel futuro".

"Famiglie, imprese e cittadini, non possono più stare a dieta. A dieta bisogna mettere lo Stato, e  ogni euro che deriverà dai tagli alla spesa pubblica improduttiva, dovrà essere destinato a ridurre tasse per imprenditori e lavoratori. 

"La dialettica è la forza di un partito che sa essere critico anche nei confronti dei propri esponenti nelle Istituzioni", ha detto Renato Schifani. "Abbiamo detto a Renzi che siamo pronti a fare la riforma» elettorale «anche tra una settimana se lui vuole", ha aggiunto Gaetano Quagliariello, mentre Nunzia De Girolamo ha puntato il suo discorso sul Sud e, citando Guido D'Orso, ha precisato che il Nuovo centrodestra è 'alla ricerca al Sud di cento uomini e donne d'acciaio' per intervenire in particolare sulla legalità che rappresenta uno dei temi dal quale ripartire". Beatrice Lorenzin, infine, ha dichiarato tra l'altro: "Ho stretto un patto con le Regioni: io vi porto un bilancio certo, senza assalti dal governo centrale, ma voi dovete dimostrare di essere all'altezza di rimettere in piedi la sanità italiana". 



loading...