Mercoledì, 23 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il centrodestra domani prova a chiudere sul candidato sindaco

A Bari incontro di coalizione in vista delle amministrative. Tra i nodi anche quello del vicesindaco.

Pubblicato in Politica il 06/02/2014 da Gian Vito Cafaro
Domani il centrodestra barese potrebbe sciogliere il nodo legato al candidato sindaco. Dal tavolo di coalizione dovrebbe arrivare il via libera ad una candidatura unitaria che possa essere gradita a tutti i partiti dell'alleanza che si presenteranno alle Amministrative di maggio a Bari. E' ormai quasi certo che non saranno le Primarie a scegliere il leader della coalizione.
A spuntarla dovrebbe essere l'ingegner Domenico Di Paola, l'ex amministratore unico di Aeroporti di Puglia, sceso in campo con la lista civica "Impegno civile". A Di Paola è arrivato il sostegno di Forza Italia. Gli altri partiti della coalizione non sono stati a guardare: il Nuovo centrodestra ha avanzato il nome di Costantino Monteleone; Fratelli d'Italia quello di Filippo Melchiorre, mentre anche Mario Ferorelli (presidente uscente della Circoscrizione Murat-San Nicola) non ha fatto mistero di volersi candidare a primo cittadino. 
Una sintesi l'alleanza dovrebbe trovarla nei prossimi giorni e non è escluso che già nell'incontro di domani si profilino le prime intese.
Il coordinatore regionale del Ncd, il senatore Massimo Cassano (esponente del partito che fino a questo momento ha posto più condizioni degli altri) oggi ha parlato di "soluzione unitaria a portata di mano", invitando a discutere meno di "poltrone" e a dare invece "risposte ai problemi di Bari in tempi stretti".
Non saranno sulla carta le poltrone il primo problema della coalizione, ma nei fatti, fuori da taccuini e microfoni, chi lavora agli accordi politici sa benissimo che un altro nodo politico da sciogliere riguarda la carica di vicesindaco nel caso in cui il centrodestra dovesse ritornare a palazzo di città. A chi spetta quel ruolo? Al partito più suffragato? E se il partito con maggiori preferenze risultasse Forza Italia (che sponsorizza, ma non ha candidato ufficialmente Di Paola) la poltrona di numero due dell'Amministrazione a quel punto andrebbe ai forzisti. Un'ipotesi che gli altri partiti della coalizione hanno messo in conto e che potrebbe imporre loro di blindare un accordo politico proprio sull'incarico di vicesindaco.