Mercoledì, 20 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Dal 7 Aprile in Puglia 4 nuovi treni regionali

Giannini: "I risultati attesi permetteranno alla Regione Puglia di non subire tagli sui trasferimenti statali

Pubblicato in Politica Sviluppo il 03/04/2014 da Redazione
Dal 7 aprile prossimo in via sperimentale, per tre mesi, verranno istituiti in Puglia quattro nuovi treni nell'ambito del programma di efficientamento e razionalizzazione dei servizi ferroviari regionali di trasporto pubblico locale, avviato dall'assessorato regionale alle Infrastrutture e Mobilita' e dalla societa' Trenitalia (Direzione regionale). Si tratta di un treno con partenza da Bari Centrale alle 17.05 e arrivo a Lecce alle 18.36 che effettuera' le fermate intermedie a Polignano, Monopoli, Fasano, Ostuni, Brindisi e San Pietro Vernotico; un treno da Lecce in partenza alle 19.05 e arrivo a Bari Centrale alle 20.36 con fermate intermedie a San Pietro Vernotico, Brindisi, Ostuni, Fasano, Monopoli e Polignano; un treno con partenza da Bari Centrale alle 12.10 e arrivo a Barletta alle 12.56 con fermate intermedie a Bari Palese Macchie, Bari Santo Spirito, Giovinazzo, Molfetta, Bisceglie e Trani; un treno con partenza da Barletta alle 13.10 e arrivo a Bari Centrale 13.59 con fermate intermedie a Trani, Bisceglie, Molfetta, Giovinazzo, Bari Santo Spirito, Bari Palese - Macchie, Bari zona industriale.
''I risultati attesi - spiega l'assessore regionale Gianni Giannini - sono un aumento del numero di passeggeri trasportati e conseguentemente un aumento del rapporto ricavi/costi, entrambi fattori che permetteranno alla Regione Puglia di non subire tagli sui trasferimenti statali''. Quindi sottolinea che l'istituzione dei nuovi treni ''e' a costo zero per la Regione, in quanto le percorrenze necessarie sono state reperite da uno studio sulle frequentazioni dei treni esistenti, che ha dato come risultato la possibilita' di sopprimere 28 treni del servizio metropolitano tra Molfetta e Mola di Bari nei giorni di sabato, in quanto in tali giornate vi e' un calo di domanda di circa il 34%. Per ogni treno soppresso nei giorni di sabato e' comunque garantito un collegamento nella stessa fascia oraria e, per circa il 50 % dei treni soppressi, c'e' un treno alternativo entro i successivi 15 minuti. E' gia' allo studio - garantisce - la prossima azione riguardante la razionalizzazione degli orari e delle fermate nella fascia oraria mattutina piu' utilizzata dai pendolari sulla tratta Foggia - Bari, finalizzata ad offrire treni piu' rispondenti alle richieste di mobilita'''.