Domenica, 20 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Berlusconi attacca Fitto: 'Sei figlio della vecchia Dc, se vuoi puoi andare via'

Il leader di Forza Italia attacca l'europarlamentare salentino durante l'Ufficio di Presidenza

Pubblicato in Politica il 02/10/2014 da Redazione
"Raffaele io ti voglio bene ma con questi tuoi comportamenti tu ci stai danneggiando. Abbiamo fatto un focus da cui risulta che tu ci fai perdere il 3-4% di voti. Ce n’è stato un altro che si è comportato cosi. Se continui ti deferisco ai probiviri. Non mi costringere, se vuoi vattene e fatti il tuo partito con i tuoi 300mila voti. E allora smetti di radunare i tuoi senatori e di fare dichiarazioni alle agenzie su sciocchezze come le primarie e l’articolo 18". Sono volate parole grosse a palazzo Grazioli durante la riunione del comitato di presidenza di FI durante in cui sarebbe stato "molto" forte lo scontro verbale tra Silvio Berlusconi e Raffaele Fitto, che solo in parte è stato esplicitato dal voto contrario di quest’ultimo alla relazione del leader azzurro.
Chi era presente racconta che ad un certo punto della riunione, raccontano, l’ex premier si sarebbe alzato e piazzato davanti all'europarlamentare salentino che avrebbe fatto notare a Berlusconi di reagire a delle provocazioni, riferendosi chiaramente all’intervista di Maria Rosaria Rossi.
"Io resto in Forza Italia", è stata comunque la replica di Fitto.
"Tu - avrebbe detto Berlusconi - sei figlio di una vecchia Dc, abituata a fare correnti. Io non posso pensare che in questo momento in cui già facciamo fatica a spiegare la nostra linea, ci sia anche qualcuno che infierisce a tamburo battente". Secondo altri presenti, in realtà, Berlusconi avrebbe usato l’espressione “vecchio Dc”, come una sorta di riferimento implicito al padre dell’eurodeputato pugliese.
A provocare il momento di tensione - sempre dal racconto dei presenti - sarebbe stata la proposta fatta dopo la relazione di Berlusconi di passare ai voti senza aprire alcun dibattito ma anche - e forse soprattutto - il fatto di aver indetto riunioni considerate “carbonare”.