Mercoledì, 19 Giugno 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Online l'avviso finanziato con il 5X1000 per progetti rivolti al contrasto delle povertà sociali ed economiche

Bottalico: 'promuoviamo piccoli cantieri pensati da chi quotidianamente si confronta con il disagio economico'

Pubblicato in Politica il 02/05/2019 da Redazione
Francesca Bottalico, assessora al Welfare Comune di Bari in una foto di repertorio

Da oggi è online sul sito del Comune l’avviso per la manifestazione di interesse relativa a progetti in grado sviluppare e potenziare le attività rivolte al contrasto alle povertà sociali ed economiche, con particolare attenzione a minori e adulti in situazioni di vulnerabilità.

L’iniziativa, finanziata con i fondi del 5x1000 (anno 2017- periodo di imposta 2016), si pone l’obiettivo di sviluppare competenze personali, relazionali, cognitive di minori e adulti promuovendone l’inclusione sociale. L’assessora al welfare del Comune di Bari ha spiegarne così il senso: “Abbiamo voluto impiegare i fondi dell’5x1000 donati dai cittadini baresi non solo per premiare delle progettualità in grado di cogliere e contrastare le situazioni di povertà e isolamento sociale ma anche per rafforzare la costruzione di piccoli cantieri pensati e realizzati da chi quotidianamente si occupa di disagio sociale, relazionale ed economico. La nostra idea è fondata sulla semplice convinzione che delle attività nate dal basso, esprimendo bisogni ed esigenze di chi si trova in una condizione di difficoltà o svantaggio sociale, possano rappresentare percorsi positivi in grado di generare nuovi legami attraverso esperienze di welfare di comunità.

Quest’anno abbiamo individuato tre macro-aree in cui racchiudere tutte le fasce d’età, dai più piccoli agli anziani, prevedendo la possibilità di presentare iniziative diverse ma accomunate dall’unico obiettivo di favorire nuovi spazi sociali attraverso i quali sostenere la crescente richiesta di sostegno da parte dei cittadini in difficoltà”.

 

 

L’attività progettuale da proporsi potrà riguardare una sola tra le seguenti aree:

·        Cantieri dei piccoli: progetti sperimentali di sostegno ai bambini e agli adolescenti con disagio psicosociale ed economico (autismo, sindrome di down, iperattività, disabilità, ecc.);

·        Cantieri dei nonni: progetti sperimentali di sostegno alla terza età in situazioni di povertà e per il contrasto alle solitudini e all’isolamento (vacanze, palestre sociali, mobilità, ecc.);

·        Cantieri di tutti e di tutte: progetti sperimentali di inclusione socio culturale, sportiva e lavorativa diretta a gruppi sociali vulnerabili (donne, migranti, cittadini con disagio psichico, neogenitori, ecc.).

Ciascun progetto dovrà indicare le azioni propedeutiche - individuazione del target degli utenti da inserire, delle strutture dove realizzare le attività - e le azioni specifiche - attività laboratoriali e ricreative - organizzate per facilitare l’accesso degli utenti.

 

L’avviso è rivolto ai seguenti soggetti:

·        organizzazioni di volontariato, di cui alla legge 266/1991, iscritte nel Registro della Regione Puglia istituito con L.R. n.11/94 e ss.mm.ii;

·        enti di promozione sociale di cui alla legge 383/2000, iscritti nel relativo Registro regionale, ovvero riconosciuti tali ex lege;

·        organizzazioni non lucrative di utilità sociale iscritte nell’Anagrafe delle Onlus ai sensi del D.lgs 460/1997;

·        enti ecclesiastici cattolici di cui alla legge 222/85 e ss.mm.ii ovvero altri enti di confessioni religiose diverse dalla cattolica riconosciute dallo Stato italiano ai sensi dell’art 8 della Costituzione.

purché in possesso dei requisiti richiesti dall’avviso.

 

La disponibilità finanziaria complessiva è pari a 48.540,74 euro. Ogni progetto potrà beneficiare di un contributo massimo di 16.180,24 euro (IVA inclusa se dovuta).

Una commissione procederà alla valutazione dei progetti. Ad aggiudicarsi i contributi disponibili saranno i primi soggetti in graduatoria, uno per ciascun’area di intervento.

Le eventuali economie saranno assegnate al soggetto primo ammesso e non finanziabile, prescindendo dall’area di intervento, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Per partecipare all’avviso è necessario presentare, per posta o a mano, la documentazione prevista in plico chiuso, entro le ore 12 del 31 maggio, all’ufficio POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie del Comune di Bari, Largo Chiurlia, 27.

Il responsabile del procedimento è Francesco Elia - POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie minoriefamiglie.comunebari@pec.rupar.puglia.it. Per informazioni e assistenza è possibile rivolgersi a Domenico Gagliardi - tel. 080/5773943.

 



loading...