Lunedì, 16 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ordine pubblico e degrado, ecco il testo dell'ordinanza di Emiliano

Pubblicato in Politica il 01/11/2013 da D. R.

Il Sindaco emana la seguente ordinanza di sicurezza urbana

A.      In data 29/03/2013 il Comitato P. za Umberto presentava un documento denuncia, prot. n.78485, che descrive nei seguenti termini le condizioni di abbandono e degrado in cui versa la storica Piazza barese e le attività illecite che ivi abitualmente si perpetrano: "Panchine divelte, alberi piegati in due, bottiglie e lattine di birra dappertutto, stracci e cartoni a sostituire materassi per la notte, gente che urina indisturbata nelle aiuole e ai bordi di una palazzina fatiscente e scrostata in più parti... una ruota di quella che fu una bicicletta legata con lucchetto a una recinzione, macchine che ronzano silenziose, altre ferme in attesa, a caccia di prostituzione,  che si sviluppa "en plein air" sulle giostre di bambini.... un nero-puscher in bicicletta alla ricerca di clienti..... al risveglio è un letamaio di carte, di siringhe.... Passanti che evitano l'avventura di inoltrarsi nei vialetti e rigorosamente girano ai bordi della Piazza... finalmente aprono i bagni pubblici con anziani omosex appostati in adescamento di prestazioni a basso costo....."

B.     In data 30 maggio 2013 è stata presentata da 1700 cittadini Baresi una petizione ai sensi dell'art 42 dello Statuto comunale, acquisita al prot.159168 del 05.07.2013 con cui, oltre a richiedere l'adozione di interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio vegetale e delle componenti edilizie e impiantistiche dell'area e l'effettuazione di maggiori controlli da parte delle forze dell'ordine, si sollecita la prescrizione di norme comportamentali idonee ad assicurare il decoro urbano e la prevenzione di condotte illecite.

C.     Da numerose segnalazione pervenute alla sala operativa del Comando di Polizia Municipale nonché dai verbali di sopralluoghi effettuati dagli agenti di PM si evince:

Ø  l'effettivo verificarsi, con regolare frequenza, di comportamenti contrari alla legge ed al senso civico che sovente sfociano, in veri e propri atti,   espliciti o sottointesi, di intimidazione dei residenti del quartiere;

Ø  in particolare alcune aree vengono occupate più o meno stabilmente, anche in orario notturno con conseguente disturbo del sonno e della quiete, con atteggiamenti di sfida, molestia di passanti, turisti e residenti, consumazione di cibi, alcolici e bevande da asporto e conseguente abbandono di rifiuti, nonché  bivacco in spazi ed aree pubbliche, vociando con toni da arrecare disturbo al sonno delle persone.

D.     Considerato che tali situazioni, eventi e comportamenti censurabili si perpetrano anche in altre piazze come  Piazza Garibaldi, Piazza Cesare Battisti, Piazza Moro e Piazza Balenzano, come da comunicazione del comandante della Polizia Municipale;

E.      Considerato pertanto che sussiste un oggettivo pericolo per la privata e pubblica incolumità non fronteggiabile con gli ordinari strumenti di amministrazione attiva e, conseguentemente, sussiste la necessità improcrastinabile di tutela dei preminenti diritti delle persone:

Ø  alla libertà di movimento, di espressione e  di fruizione delle bellezze storico- architettoniche e del verde pubblico,

Ø  alla sicurezza urbana,

Ø alla salute e alla quiete di residenti e turisti,

Ø all'igiene pubblica,

Ø alla tutela del patrimonio pubblico, del decoro urbano e dell'ambiente.

F.      Ritenuto opportuno prescrivere le seguenti norme comportamentali di divieto, idonee ad assicurare il decoro urbano e la prevenzione di condotte illecite, sia in applicazione di disposizioni normative e regolamenti vigenti,  sia extra ordinem:

1.      Divieto di accesso e circolazione di veicoli a motore di qualsiasi genere.

2.      Divieto di accensione di  fuochi di artificio, petardi e  fuochi di qualsiasi genere.

3.      Divieto di circolazione di cani senza guinzaglio e museruola e con obbligo della raccolta delle deiezioni canine; nelle aree gioco è comunque vietato l'accesso ai cani.

4.      Divieto di danneggiare e imbrattare giochi o elementi di arredo; calpestare le aiuole fiorite e i siti erbosi delimitati;  eliminare, danneggiare, tagliare e qualsiasi azione che possa in altro modo minacciare l'esistenza di alberi e arbusti o parte di essi;  danneggiare e imbrattare la segnaletica; scavalcare transenne, ripari, steccati posti a protezione del verde pubblico; abbandonare rifiuti al di fuori dei contenitori di raccolta; effettuare  scavi non autorizzati; raccogliere e asportare fiori, bulbi, radici, semi, frutti, terriccio, muschio etc- ed ulteriori divieti di cui al  Programma di conduzione, manutenzione e tutela del patrimonio verde urbano approvato con Del. GM 791/2011 - art 9 "Fruizione dei parchi e dei giardini pubblici" - Divieti comportamentali e divieti di utilizzo improprio degli spazi verdi.

5.      Gli esercizi e i giochi (come pattini e tavole a rotelle, bocce, palloni etc. ) che possono disturbare chi sosta o passeggia, causare incidenti a persone o danni alla vegetazione, alle infrastrutture, agli immobili inseriti all'interno delle aree verdi pubbliche adibite a parco o giardino sono consentiti nei soli spazi predisposti per questi scopi. 

6.      Divieto di bivaccare, intendendosi per "bivacco" sdraiarsi, dormire, disporre giacigli, stazionare o consumare cibi e bevande in maniera scomposta o contraria al decoro;

7.      Divieto di schiamazzare e gridare.

8.      Divieto di sostare prolungatamente in gruppo superiore a cinque persone, con atteggiamento di sfida, presidio o di vedetta, o comunque in modo tale da impedire la piena fruibilità della piazza agli altri cittadini ed ai turisti.

9.      Divieto di compiere qualsiasi attività in contrasto con la conservazione e il decoro dei suddetti luoghi e monumenti (arrampicarsi su statue, pali, fioriere, panchine ecc., danneggiare o imbrattare, etc.).

Ritenuto

di applicare le suddette norme non solo a Piazza Umberto I ma anche a Piazza Garibaldi, Piazza Cesare Battisti, a Piazza Moro e Piazza Balenzano e fissare al 30.04.2014 il termine di validità della presente ordinanza, con riferimento alle disposizioni straordinarie, in considerazione della situazione contingibile e urgente di pericolo per  la sicurezza pubblica, al fine della prevenzione e repressione di reati, nonché tutela dei primari interessi pubblici sui quali si regge l'ordinata e civile convivenza nella comunità nazionale;

Visti:

·         l'art.  158 Dlgs 112/1998 il quale stabilisce che regioni ed enti locali sono titolari delle funzioni e compiti di polizia amministrativa nelle materie ad essi attribuite o trasferite;

·          il Dlgs 152/2006 il quale attribuisce alla competenza del Comune le funzioni di accertamento e sanzionatorie in relazione a taluni illeciti in materia di gestione dei rifiuti, quali l'abbandono di rifiuti, nonché la prevenzione dell'inquinamento c. d. visivo;

·         Il Dlgs 42/2004 il quale prevede che i beni culturali non possano essere adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico-artistico, e tra essi anche le vie e piazze pubbliche vincolate ai sensi dell'art all'art 10 co.4 lett. g)  Dlgs 42/04

·         Gli artt 50  e  54 TUEL che attribuiscono al Sindaco poteri di ordinanza, anche extra ordinem,  per la tutela della igiene pubblica, pubblica incolumità e sicurezza urbana;

·         Visto il DM 05.08.2008  che definisce l'ambito dei poteri sindacali in materia di pubblica incolumità e sicurezza urbana stabilendo che il sindaco interviene per prevenire e contrastare, tra l'altro:

-          le situazioni in cui si verificano comportamenti quali il danneggiamento al patrimonio pubblico e privato o che ne impediscono la fruibilità e determinano lo scadimento della qualità urbana;

-          l'incuria, il degrado  di immobili tali da favorire le situazioni indicate ai punti a) e b);

-          le situazioni che costituiscono intralcio alla pubblica viabilità o che alterano il decoro urbano;

·         le Sentenze C. Cost. n. 196/2009 e n.115 del 07.04.2011;

·         Vista la Circolare Prefettizia prot. 12/242/9C/Gab del 5.01.2012;

·         la L.689/1981;

·         i vigenti Regolamenti comunali di: "Igiene  Urbana", "Tutela Diritti degli Animali" e "Programma di conduzione, manutenzione e tutela del patrimonio verde urbano";

·         l'art  7 bis Dlgs 267/2000, analogicamente applicabile, che per le violazioni delle ordinanze sindacali ordinarie prevede una cornice edittale delle sanzioni da € 25 a € 500;

Viste:

·         le relazioni di servizio della Polizia Municipale prot. n. 184194 del 06/08/13  -  n. 192973 del 27/08/13  -  n. 194461 del 29/08/13  -  203404 del 11/09/13  -  n. 212098 del 23/09/13  -  n. 218605 del 01/10/13  -  n. 225771 del 09/10/13 e n. 234368 del 19/10/13;

 

ORDINA


 

A.     in Piazza Umberto I di Bari e nelle piazze Garibaldi, Cesare Battisti, Moro e Balenzano, le seguenti norme comportamentali in applicazione di disposizioni normative vigenti:

 

1.      Divieto di accesso e circolazione di veicoli a motore di qualsiasi genere.

2.      Divieto di accensione di  fuochi di artificio e petardi e  fuochi di qualsiasi genere.

3.      Divieto di circolazione di cani senza guinzaglio e museruola, con obbligo di raccolta delle deiezioni canine;  nelle aree gioco è vietato l'accesso ai cani.

4.      Divieto di danneggiare e imbrattare giochi o elementi di arredo; calpestare le aiuole fiorite e i siti erbosi delimitati;  eliminare, danneggiare, tagliare e qualsiasi azione che possa in altro modo minacciare l'esistenza di alberi e arbusti o parte di essi;  danneggiare e imbrattare la segnaletica; scavalcare transenne, ripari, steccati posti a protezione del verde pubblico; abbandonare rifiuti al di fuori dei contenitori di raccolta; effettuare  scavi non autorizzati; raccogliere e asportare fiori, bulbi, radici, semi, frutti, terriccio, muschio ecc- ed ulteriori divieti di cui al  Programma di conduzione, manutenzione e tutela del patrimonio verde urbano approvato con Del. GM 791/2011 - art 9 "Fruizione dei parchi e dei giardini pubblici" - Divieti comportamentali e divieti di utilizzo improprio degli spazi verdi.

5.      Gli esercizi e i giochi (come pattini e tavole a rotelle, bocce, palloni etc. ) che possono disturbare chi sosta o passeggia, causare incidenti a persone o danni alla vegetazione, alle infrastrutture, agli immobili inseriti all'interno delle aree verdi pubbliche adibite a parco o giardino, sono consentiti nei soli spazi predisposti per questi scopi. 


B.     Sono altresì vietate le seguenti condotte al fine di assicurare il decoro urbano e la prevenzione di condotte illecite:

 

6.      Divieto di bivaccare, intendendosi per "bivacco" sdraiarsi, dormire, disporre giacigli, stazionare o consumare cibi e bevande in maniera scomposta o contraria al decoro;

7.      Divieto di schiamazzare o gridare;

8.      Divieto di sostare prolungatamente in gruppo, con atteggiamento di sfida, presidio o di vedetta, tale da impedire la piena fruibilità della piazza agli altri cittadini ed ai turisti; tale condotta di pericolo per la sicurezza urbana è tanto più lesiva dell'interesse pubblico, in quanto reiterata ovvero posta in essere da parte di soggetti con precedenti penali, assoggettati a misure di prevenzione e comunque in stabile comprovato collegamento con soggetti appartenenti alle suddette categorie di persone;

9.      Divieto di compiere qualsiasi attività in contrasto con la conservazione e il decoro dei suddetti luoghi e monumenti (arrampicarsi su statue, pali, fioriere, panchine ecc., danneggiare o imbrattare, ecc.).
 

C.     Sanzioni:

·         Per la violazione del divieto di cui al punto 1 sono applicabili le sanzioni previste dall'art. 7 del Codice della Strada per il transito e la sosta  nelle zone pedonali  intercluse alla circolazione stradale

·         Per la violazione del divieto di cui al punto 2 in violazione dell'art. 57 TULPS sono applicabili le sanzioni di cui all'art. 703 cp

·         Per le violazioni di cui al punto 3, in attuazione degli art. 24 e 27 del Reg. Comunale per la Tutela  dei Diritti degli Animali, sono applicabili le sanzioni di cui all'art. 53 del  citato Regolamento 

·         Per le violazioni dei divieti di cui ai punti 4 e 5, in attuazione del  Programma di conduzione, manutenzione e tutela del patrimonio verde urbano,  sono applicabili le sanzioni di cui all'art 16 L.3/2003 richiamato dall'art 12 del citato Programma

·          Per le violazioni dei divieti di cui ai punti 6-7-8-9  i trasgressori  saranno puniti con la sanzione prevista dagli artt. 650 cp e 17 2°comma tulps nonché, ai sensi dell'art. 7 bis Dlgs 267/2000, analogicamente applicabile, sarà applicabile ai contravventori delle sanzioni da € 25 a € 500.

 

INTERESSA

 

per la verifica dell'ottemperanza alla presente ordinanza il Comando Corpo Polizia Municipale, nonché dalle altre forze di polizia;

 
DA ATTO
 
Che il presente provvedimento:

·         con nota prot. n. 245147 del 31/10/2013 è stato preventivamente comunicato al Prefetto di Bari;

·         resterà pubblicato per 10 giorni all'Albo Pretorio on line del Comune di Bari e diverrà immediatamente esecutivo con la pubblicazione, ai sensi dell'art 21 bis L.241/90, stante l'indeterminatezza dei destinatari;

·         ai sensi e per gli effetti dell'art.2, comma 4 della Legge 7/08/1990 n° 241, avverso il presente atto è ammesso il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale Puglia entro 60 gg dalla data di esecutività della presente, oppure, in alternativa, il ricorso straordinario al Capo dello Stato (D. P. R. 24/11/1971, n°1199).

TRASMETTE

Il presente atto

·         alle Ripartizioni Polizia Municipale;

·         al Sig. Prefetto di Bari;

·         al Sig. Questore di Bari;

·         al Comando regione Carabinieri;

·         all'ARPA Direzione Generale

·         Alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici

·         Al Procuratore Distrettuale Antimafia, per mera doverosa informazione.

 

 IL SINDACO

Michele Emiliano