Lunedì, 22 Aprile 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Trekking in Puglia: ecco i percorsi da non perdere

Un modo originale per immergersi nella natura e nelle tradizioni di questa splendida regione

Pubblicato in Lifestyle il 18/01/2019 da Teresa Salerno

Non è un mistero che la Puglia sia una delle regioni più belle d'Italia. Piena di meraviglie naturali, conosciuta per le sue spiagge stupende e il mare cristallino, la Puglia è un posto da visitare assolutamente. Per gli amanti del trekking, poi, si tratta di una meta imprescindibile: dal Salento al Gargano, della Magna Grecia alla Murgia, la Puglia offre decine di percorsi straordinari, soprattutto lungo la costa, con tantissime spiagge che possono vantare la bandiera blu e scorci straordinari. Non da meno sono le zone dell'interno, anche se forse meno conosciute: il Tavoliere e l'altopiano delle Murge regalano a chi li attraversa paesaggi stupendi, caratterizzate da un'atmosfera "selvaggia" e dal fascino unico.

Naturalmente, per partire alla scoperta di questi posti straordinari bisognerà essere preparati. Se siete dei professionisti, avrete sicuramente già pronto tutto l'abbigliamento sportivo che vi servirà per intraprendere al meglio i selvaggi percorsi pugliesi. Altrimenti, procuratevi tutto l'occorrente per percorrere questi itinerari da sogno (magari dando un'occhiata al volantino NKD per le offerte più aggiornate). 

Insomma, se avete voglia di conoscere questo lato della Puglia, ecco alcune dei percorsi da trekking più belli che questa regione ha da offrire.

 

Le "spunnullate" di Torre Castiglione

A soli 10km da Porto Cesareo si trova uno dei percorsi più interessanti del Salento. La caratteristica principale di questa zona sono appunto le spunnullate. Il loro nome deriva da un termine salentino che vuol dire "sprofondate": si tratta di una serie di doline di crollo, ossia voragini che si sono formate nel terreno nel corso dei secoli a causa della composizione geologica della zona. Col tempo, queste voragini sono state riempite dall'acqua del mare. Sono così nati una serie di laghetti e di piccole grotte sotterranee che punteggiano questo territorio così particolare.  

Il percorso parte dalla cosiddetta torre Lapillo, per poi proseguire verso Torre Castiglione. Oltre alle spunnullate, un altro punto forte è la vegetazione: si trova abbondante la macchia mediterranea, che crea un contrasto con il terreno roccioso della zona. Il cammino è molto interessante anche per gli appassionati di bird watching, a causa delle molte specie di uccelli che abitano questo habitat così particolare. 

 

Colli di Ostuni

Se cercate un percorso ricco di storia, questo è quello che fa per voi. Si tratta di una zona in cui, 27.000 anni fa, sono nati alcuni dei primi insediamenti paleolitici d'Italia. Particolarmente importante è il parco naturalistico e archeologico di Santa Maria d'Agnano. In una grotta sono stati trovati i resti di Delia, una ragazza del Paleolitico morta durante la gravidanza, e seppellita con ancora in grembo il nascituro. Ma il percorso non si ferma qui. Prosegue  verso il santuario di Sant'Oronzo,  costruito nel XVII secolo per ringraziare il santo per aver protetto la popolazione di Ostuni dall'epidemia di peste che stava mietendo vittime nel Salento. Si tratta di una struttura stupenda, immersa fra olivi e querce; un itinerario immaginario che vi farà viaggiare lungo quasi 300 secoli di storia.

 

Porto Selvaggio e palude del Capitano

Sempre in Salento si trova un altro percorso da non perdere per gli amanti del trekking. La camminata partirà dalla Torre di Santa Maria dell'Alto. Da qui prosegue verso il belvedere La Dannata, con una splendida vista sul mare che vi lascerà senza fiato. Continua poi fra la macchia mediterranea e le sorgenti naturali della baia verso la palude del Capitano. Anche questo è un percorso ricchissimo di storia: si può visitare la grotta del Cavallo, in cui sono stati rinvenuti i resti di abitati neandertaliani, oltre che la zona di Serra Cicora, che ha ospitato millenni fa i primi insediamenti neolitici della Puglia.



loading...