Domenica, 29 Novembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Lavoro: il Mibact mette a disposizione 60 assunzioni in tutta Italia

Il piano di assunzioni straordinarie servirà a coprire il maggior afflusso di visitatori garantito dal Giubileo

Pubblicato in Lavoro Sviluppo e Lavoro il 30/12/2015 da Redazione

È stato pubblicato il bando di concorso per l’assunzione di 60 esperti da parte del Ministero dei Beni Culturali. In attesa dell’annunciato concorso per 500 assunzioni straordinarie per il 2016, il Mibact si è attivato per rispondere al fabbisogno di personale che, presumibilmente, si registrerà nei prossimi mesi nelle strutture gestite dal Ministero a seguito del maggiore afflusso di visitatori garantito dal Giubileo aperto a Roma lo scorso 8 dicembre.

 

 

Il contratto offerto ai 60 lavoratori prevede nove mesi in attività di tutela, vigilanza, conservazione e valorizzazione dei beni culturali presso musei, biblioteche ed altri siti statali.

 

Questi i requisiti principali richiesti:

Età non superiore ai 40 anni;

cittadinanza italiana o di uno degli Stati Ue, purché con una adeguata conoscenza della lingua italiana;

pieno godimento dei diritti politici.

Per quanto riguarda il titolo di studio, è richiesta la laurea (specialistica o magistrale) il dottorato di ricerca nell’ambito dei beni culturali, con una comprovata esperienza professionale di almeno tre anni, sempre in attività inerenti i beni culturali.

 

La domanda per partecipare al concorso del Mibact  dovrà essere presentata esclusivamente con modalità on line secondo la procedura predisposta sul sito www.beniculturali.it. a partire dalle ore 12 del prossimo 21 gennaio 2016 ed entro la scadenza fissata per le ore 12 del 22 febbraio 2016. Alla domanda dovrà essere allegato un curriculum vitae redatto sul modello del formato europeo e riportante il titolo di studio, le conoscenze linguistiche e le esperienze professionali nel settore dei beni culturali.

La procedura di selezione consisterà nella redazione di una graduatoria redatta sulla base dei punteggi assegnati ai titoli di studio e alle esperienze professionali secondo la tabella riportata nel bando di concorso consultabile sullo stesso sito del Miur. I primi 180 candidati saranno successivamente chiamati a sostenere un colloquio individuale diretto alla valutazione delle capacità professionali in riferimento all’incarico da svolgere. I posti disponibili, con relative sedi e incarichi, sono dislocati in tutta Italia ed il dettaglio è pubblicato nell’allegato A del bando di concorso stesso.