Giovedì, 23 Gennaio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Giunta regionale: siglato protocollo d'intesa sulla vertenza Agile ex-Eutelia

Il presidente Vendola: 'Si conclude una vertenza nazionale, che ha trovato sistemazione in Puglia'

Pubblicato in Lavoro Sviluppo e Lavoro il 22/05/2015 da Redazione
Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha espresso soddisfazione per l'approvazione da parte della Giunta Regionale del "Protocollo d'Intesa per la realizzazione di interventi di politica attiva del lavoro presso gli uffici giudiziari pugliesi". "Con l'approvazione di questo protocollo - dichiara Vendola - si conclude una vertenza nazionale, che consente una prospettiva ad alcuni lavoratori di elevata competenza informatica, precettori di ammortizzatori sociali". 

"In questi mesi - ha proseguito Vendola - la Regione, nell'ambito dell'Accordo Anticrisi tra Governo Regioni e Province autonome, ha da un lato, attivato una serie di interventi volti alla ricollocazione e alla riqualificazione dei lavoratori colpiti dalla crisi e dall'altro, avviato una stretta collaborazione con gli Uffici Giudiziari per offrire l'opportunità d'inserimento lavorativo e fornire un supporto al sistema giudiziario per migliorare l'efficienza dei procedimenti giudiziari".

I lavoratori, infatti, verranno inseriti nel Progetto "Smart Giustizia", assegnato a Innovapuglia, con il quale si prevedono interventi di tipo strutturale e infrastrutturale finalizzati principalmente alla gestione del fascicolo penale relativo alle indagini preliminari. Saranno previsti una pluralità di interventi di formazione.

Per l'assessore al Lavoro Leo Caroli "le tecnostrutture degli assessorati al Lavoro e alla Formazione sono state eccezionali, hanno saputo interagire con gli uffici giudiziari di Puglia e dialogare con i lavoratori e con il sindacato".
"Sono particolarmente contento - ha aggiunto Caroli - perché con la risoluzione di questa vicenda pugliese (vertenza nazionale avviata dai Ministeri del Lavoro e dello sviluppo economico nel lontano febbraio 2012) e l'innesto di lavoratori con specifiche e qualificate competenze nell'organico degli uffici giudiziari, agevoliamo il conseguimento degli obiettivi di informatizzazione della giustizia, producendo sicuramente maggiori servizi ai cittadini".