Venerdì, 22 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Crisi Natuzzi, protesta dei lavoratori davanti al Consiglio regionale

L'assessora Capone ha incontrato gli operai: 'La vertenza andrà avanti, salveremo tutti i posti'. Il leader della Lega Nord si schiererà al fianco dei lavoratori prossimi al licenziamento

Pubblicato in Lavoro Sviluppo e Lavoro il 12/01/2016 da Redazione
Foto ANSA

 Una cinquantina di operai dell'azienda di divani 'Natuzzi' ha protestato oggi davanti alla sede del Consiglio regionale della Puglia - dove si è tenuta la seduta dell'assemblea regionale - per sollecitare interventi diretti alla tutela del posto di lavoro. La vertenza che riguarda 365 operai in cigs per 12 mesi. "Siamo al paradosso che si incentivano aziende che riducono il personale e noi siamo qui per chiedere la salvaguardia dei livelli occupazionali", ha spiegato Felice Di Leo, sindacalista della Cgil.
  

 

Sulla vicenda è intervenuta anche l’assessora allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone: "La vertenza Natuzzi presso il Ministero non è chiusa e la vicenda si chiuderà solo quando anche i lavoratori di Ginosa avranno una prospettiva", ha spiegato alla delegazione di operai dell'azienda. "Il contratto di sviluppo - ha continuato Capone - punta a integrare più di un migliaio di lavoratori che prima erano in esubero e che oggi avranno altra chance. Noi sosteniamo che vanno coinvolti tutti i lavoratori, anche quelli di Ginosa, dell'indotto e delle aziende collegate e per questo non abbiamo chiuso la vertenza. Possiamo sostenere ulteriori investimenti con i fondi regionali e chiediamo quindi che tutti i lavoratori siano rioccupati. Crediamo - ha concluso l'assessore - che ci siano tutte le condizioni perché l'azienda possa ancora crescere".

 

 

Intanto tra poco più di un’ora il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, incontrerà i 370 operai che rischiano seriamente il posto di lavoro dinanzi alla sede dell’azienda, a Santeramo in Colle.