Domenica, 5 Dicembre 2021 - Ore
Facciamo Notizie

Thanksgiving: una storia di pellegrini, solidarietá e shopping compulsivo

Prende il via una nuova rubrica: 'Riflessioni di un barese a New York'

Pubblicato in ILikePuglia International il 24/11/2016 da Vincenzo Aquaro

La leggenda racconta che nel lontano 1620 la Nave “Fiore di Maggio” con a bordo 102 pellegrini, salpò dalla cittadina di Plymouth in Inghilterra in direzione Nuovo Mondo alla ricerca di una terra promessa dove poter far crescere e proliferare le proprie famiglie all’insegna della fede cristiana, della pace e della prosperitá. Raggiunta dopo due mesi la costa del Nord America, i coloni, giá esausti e sofferenti per il lungo viaggio, decisero di fermarsi nella Baia del Massachussets per construire li il nuovo villaggio di Plymonth e per dedicarsi alla coltivazione con sementi e piante portate dall’Inghilterra. Il primo inverno fu tragico per i coloni: freddo, malattie, carestia e fame decimarono i pellegrini. In primavera, quando oramai i sopravvissuti avevano perso ogni speranza di riuscita, accadde che un indiano che parlava l’inglese si presentò nel villaggio. L’indiano, un ex schiavo di una colonia britannica, insegnò loro cosa e come coltivare e cosa e come cacciare e pescare in quelle terre e in quei mari così diversi da quelli inglesi. L’indiano si fece inoltre promotore di una alleanza tra i pellegrini e la locale tribù indiana dei Wampanoa, alleanza che prosperò florida per più di 50 anni, quale testimonianza di uno dei pochissimi esempi di convivenza pacifica e produttiva tra coloni europei e nativi di America. Nel Novembre 1621, dopo il primo raccolto di mais ad opera dei pellegrini, il governatore di Plymonth decise di organizzare la prima grande festa del ringraziamento per celebrare la riuscita del raccolto, festa a cui parteciparono anche numerosi nativi d’America, tra cui la tribù Wampanoa. Nacque cosi il giorno del ringraziamento che fu celebrato ogni anno e che poi George Washington, in segno di unificazione, volle come festivitá nazionale a partire dal 1789.

La festa del ringraziamento si celebra negli Stati Uniti sempre il giovedi della quarta settimana del mese di Novembre. Il "Thanksgiving" è considerata dal 95% degli americani, insieme al giorno dell’Indipendenza del 4 di Luglio - e molto più del Natale - una festa dove ci si riunisce in famiglia per mangiare tutti insieme e celebrare i propri affetti.

Menù tipico del thanksgiving è il tacchino farcito al forno con purea di patate, mais, verdure e contorni vari, spesso accompagnato da vellutata di zucca per iniziare e dalla classica salsa di mirtilli a condimento del tacchino; per dessert un tipico cheesecake.

Più di 50 milioni di tacchini saranno sacrificati e cucinati in America solo questo giovedi per festeggiare il ringraziamento, che vedrá oltre 60 milioni di persone in viaggio per raggiungere parenti o localitá di vacanza dove celebrare la festa.

Giusto poche ore per smaltire i bagordi della sera precedente e oltre 151 milioni di americani saranno pronti per ripartire con lo shopping compulsivo del “Black Friday” (venerdi nero) con sconti e occasioni imperdibili per tutte le tasche e con offerte e promozioni che si protrarranno “on-line” fino al Lunedi con il mitico “Cyber Monday”.Per questo weekend si prevede una media di spesa procapite di oltre 400 dollari per un totale di oltre 11 miliardi di Dollari che saranno spesi in acquiti tra venerdi e lunedi.

Anche New York è pronta per questo importante appuntamento di festa e di shopping che, come tutti gli anni, inizierá con la famosissima “Macy’s Thanksgiving Parade” caratterizzata dalla sfilata di coloratissimi pupazzi giganti gonfiabili, da carri allestiti a festa, bande musicali e centinaia di migliaia di palloncini colorati. La parata che sará vista da oltre 3 milioni e mezzo di persone che accorreranno per l’occasione in cittá, sará seguita in diretta TV negli USA da circa 60 milioni di telespettatori. Naturalmente, ci saremo anche noi di Ilikepuglia International. Stay Tuned.



loading...