Sabato, 23 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Expo 2015: CIHEAM Bari riporta l'attenzione sulla Dieta Mediterranea

Il rapporto presentato ha illustrato gli effetti della globalizzazione e i cambiamenti che stanno mutando il nostro modello alimentare

Pubblicato in Enogastronomia il 11/06/2015 da Redazione
Un nuovo rapporto che illustra gli effetti della globalizzazione e dei cambiamenti nello stile di vita sul modello alimentare globale è stato presentato oggi a Milano Expo. Il rapporto è stato realizzato dalla FAO e dal CIHEAM allo scopo di riportare l’attenzione sulla Dieta Mediterranea, illustrando gli effetti negativi del cambiamento dei comportamenti alimentari nella Regione del Mediterraneo e promuovendo un programma d’azione a supporto delle diete più sostenibili in tutta la Regione.

La Dieta Mediterranea tradizionale è stata abbandonata in molti Paesi mediterranei e gli attuali modelli di consumo alimentare non sono sostenibili nella Regione. Nonostante i suoi benefici salutistici ben documentati, la Dieta Mediterranea oltre all’erosione in atto del suo patrimonio culturale subisce anche gli effetti della transizione nutrizionale, dove i problemi di denutrizione coesistono con sovrappeso, obesità e malattie croniche legate all'alimentazione.

La maggior parte dei sistemi agroalimentari attuali non è sostenibile a causa della perdita di biodiversità, del degrado delle risorse naturali, dei cambiamenti climatici, dell’alto utilizzo di input energetici, dell’erosione dei modelli alimentari. È necessario, quindi, ricorrere a misure urgenti, sia nei Paesi industrializzati, sia in quelli in via di sviluppo.

‹‹La vera sfida è far convergere l’attenzione all’ambiente con l’attenzione all’agricoltura›› -ha detto Cosimo Lacirignola, Segretario Generale del CIHEAM- ed ancora: ‹‹occorre promuovere lo sviluppo di nuovi progetti e casi studio intesi a dimostrare le sinergie esistenti tra biodiversità, nutrizione, salute umana, economia e cultura a beneficio delle generazioni presenti e future. Per tale motivo il CIHEAM e la FAO stanno ponendo l’attenzione sulla Dieta Mediterranea, modello di dieta sostenibile, attraverso un approccio multisettoriale che interessa nutrizione, salute umana, sviluppo economico e aspetti socio-culturali, stili di vita e, soprattutto, biodiversità e ecosistemi››.
‹‹Dato lo scenario descritto precedentemente –ha aggiunto Roberto Capone, responsabile del Dipartimento di Agricoltura e Alimentazione Sostenibili del CIHEAM di Bari- è importante interrogarci su come dovrebbero cambiare i sistemi alimentari e su cos’è un sistema alimentare sostenibile, definito dalla FAO come quel sistema che garantisce la “sicurezza alimentare e nutrizionale” a tutti in modo tale che non siano compromesse le basi economiche, sociali ed ambientali per generare la sicurezza alimentare e nutrizionale delle future generazioni››.
L’incontro è stato anche l’occasione per lanciare la Nuova Piramide della Dieta Mediterranea Sostenibile, un nuovo modello alimentare Mediterraneo, frutto della collaborazione tra i massimi esperti ed istituzioni in materia di nutrizione e sviluppo sostenibile.
‹‹Vogliamo valorizzare il nuovo concetto della MED DIET 4.0 che fa bene all’individuo, alla collettività e al pianeta attraverso quattro dimensioni: benefici per la salute, basso impatto ambientale, alto valore culturale e sociale e, infine, rilevanti ricadute economiche sui territori di produzione degli alimenti caratteristici della Dieta Mediterranea›› sono la parole di Sandro Dernini, Fao, Segretario Generale dell’IFMed.
I nuovi contenuti della Nuova Piramide della Dieta Mediterranea Sostenibile 4.0 sono stati sviluppati con il supporto tecnico scientifico di CIHEAM Bari, ENEA, in collaborazione con CIISCAM-Università la Sapienza di Roma, con l’obiettivo di aggiornare l’attuale modello alimentare e proiettarlo nel futuro come esempio di stile di vita sostenibile nel mondo.
‹‹È fondamentale riaffermare con forza il concetto che al cuore della Dieta Mediterranea c’è il rapporto tra tradizione ed innovazione, in una logica di evoluzione per andare incontro alle esigenze dei produttori, dei consumatori e del pianeta che ci ospita›› ha infine aggiunto Massimo Iannetta dell’ENEA.

Cibo sostenibile, quindi, per le generazioni presenti e future.