Lunedì, 15 Ottobre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

A Sannicandro arriva la 'Sagra delle olive': in programma un percorso enogastronomico firmato da quattro chef

Un weekend dedicato all'oliva Termite, tra i prodotti da tavola più pregiati dell’olivicoltura pugliese

Pubblicato in Enogastronomia il 05/10/2018 da Redazione

Si rinnova l’appuntamento del secondo week-end di ottobre a Sannicandro di Bari con la 32esima Sagra delle Olive dal 12 al 14 ottobre, con le olive dolci di questo areale e con la sua indiscussa regina: l’Oliva Termite. Tra i prodotti da tavola più pregiati dell’olivicoltura pugliese, è riconoscibile per la caratteristica forma tondeggiante e le particolari proprietà organolettiche, quali il sapore, la fragranza, la sua polpa consistente e il suo colore da verde a violaceo nero. L’Oliva Termite si raccoglie manualmente, non ancora matura, e va avviata entro 48 ore alla lavorazione in salamoia e alla conservazione con sale, aceto, olio extra vergine di oliva, spezie, erbe ed estratti naturali.  Essa risulta dolce al palato se consumata al naturale, mentre si esalta in un retrogusto leggermente amarognolo se conservata in salamoia. Ideale per accompagnare gli aperitivi, il suo utilizzo è ideale in cucina nella preparazione di focacce, panzerotti, condimenti per primi piatti e secondi a base di pesce.

 

“Vogliamo valorizzare e promuovere il fiore all’occhiello dei prodotti della nostra terra - dichiara il Sindaco di Sannicandro di Bari Beppe Giannone - un patrimonio da tutelare e un autentico tesoro plurale da degustare. Anche per questo, durante la Sagra, abbiamo invitato alcuni giornalisti internazionali, che saranno in Press Tour nel nostro comprensorio, per scoprire e rilanciare l’intero ventaglio di eccellenze: dalle olive alle specialità lattiero-casearie, dal pane ai vini autoctoni di questa parte di Sud, fino ai prodotti tipici degli orti pugliesi”.

 

In questa 32^ edizione della Sagra, a celebrare l’Oliva Termite e l’eccellente Olio Extravergine prodotto nell’agro sannicandrese, saranno “Quattro Moschettieri della Cucina”, ovvero quattro cuochi di Sannicandro di Bari: Giacomo Racanelli - Aromi Bistrot, Francesco Falco - Il Nascondiglio, Nando Donatore - Il Mulino e Francesco Clarizio - Il Cryus nello stand unico col percorso enogastronomico all’ombra del Municipio in Piazza Unità d’Italia.

 

Nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 ottobre, con l’acquisto di un ticket di 10€, sarà possibile effettuare una degustazione dei piatti realizzati dai 4 chef di Sannicandro, raccontati al pubblico -durante la preparazione - attraverso le storie degli stessi cuochi e dei loro ristoranti o trattorie dal giornalista Antonio V. Gelormini. Nella stessa piazza, con ticket diverso, sarà possibile anche degustare un’ottima selezione di calici di vini autoctoni di Puglia e del Sud Italia. Al legame fra tradizione e territorio, sintetizzato efficacemente dall’Oliva “Tèrmite”, il cui termine indicava l’olivo nato spontaneamente (o olivastro), è dedicato il convegno "Oliva Termite dalla tradizione all'innovazione", per celebrare un prodotto fortemente identitario e raccontare la storia dell'olivicoltura di Sannicandro. Con l’obiettivo di dare ulteriori stimoli all'innovazione tecnologica, rappresentata dalla riscoperta e caratterizzazione delle antiche modalità di conservazione con salamoia e fermentazione lattica.

 

Durante le tre giornate della 32^ Sagra delle Olive tanta musica ed intrattenimento, e tra le degustazioni del percorso enogastronomico con gli chef di Sannicandro di Bari e il tradizionale appuntamento con le “Olive fritte dolci” negli stand dell’Arci Sannicandro, l’occasione per apprezzare anche le altre bontà della gastronomia locale, mentre all’interno del Castello Normanno Svevo, saranno previste visite guidate a cura della Pro Loco Sannicandro.

 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet